antonello_aurigemma

Amianto. Aurigemma (FI)”Maggioranza continua a prendere in giro i cittadini

1 Dicembre 2015
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“In questi due anni e mezzo, con Zingaretti abbiamo visto davvero di tutto. A partire dalla sconvocazione del consiglio avvenuto tramite sms notturno; per non parlare poi delle numerose leggi importanti che attendono di essere discusse in aula, dalla Riforma Delrio alla legge sulle Ater o a quelle sui parchi e sui trasporti. L’aula è stata paralizzata dalla maggioranza. Ma onestamente non pensavamo mai di leggere un comunicato di un autorevole esponente del Pd, come la consigliera Avenali, che chiede l’accelerazione per l’approvazione della legge sull’amianto. Premessa la rilevanza di un simile provvedimento, per cui saremo disponibili ad approvare quanto prima il testo, ci permettiamo però una riflessione: è quantomeno singolare che un consigliere di maggioranza chieda tramite comunicato stampa un’accelerazione della votazione di una sua proposta di legge. Sarebbe stato più logico chiederlo al suo stesso partito e non attraverso la stampa. Altrimenti, non vorremmo sia stato solo un tentativo per ricercare qualche riga di visibilità sulla stampa. Visto che a noi, ma ai cittadini innanzitutto, interessano i fatti, consigliamo alla consigliera Avenali di portare in aula questa sua proposta nella prossima seduta consiliare . Se invece non la porterà in consiglio, significa che la maggioranza non ha il minimo interesse di votare un simile provvedimento. In quel caso si tratterebbe, quindi, dell’ennesima presa in giro del centrosinistra nei confronti dei cittadini. E il comunicato odierno sarebbe soltanto il solito spot, che però resterà fermo sulla carta, come Zingaretti insegna”

Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •