il paese che risorge

AEC. Il Paese che Risorge: ” Il diritto allo studio deve essere garantito per legge”

22 Novembre 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Carmine Ianniello, presidente del Movimento civico Il Paese che Risorge, interviene sul diritto allo studio dei bambini diversamente abili. “Al tg5 ho sentito una notizia a dir poco vergognosa – inizia Ianniello- , cioè che a bambini speciali non vengano garantito gli AEC per mancanza di fondi ( bilancio comunale). Voglio ricordare che Assistenti Educativo Culturali per nessun caso possono essere negati, lo prevede la Corte Costituzionale ed altre leggi. Il diritto allo studio di questi bambini speciali deve essere garantito per legge. E i sindaci non possono esimersi, adducendo come unica motivazione la mancanza di fondi, perché non è quello il problema. Lo ha dichiarato lo stesso sindaco di Cerveteri, Pascucci, sia in un comunicato  stampa che ai microfoni del tg. Quindi, caro Sindaco Pascucci, invece di fare tante chiacchere  inutili  applichi  la  legge e provveda a garantire a tutti quei bambini speciali  i  loro diritti- prosegue l’esponente di Il Paese che Risorge.  “Se  necessario, sospenda  qualsiasi  attività  collaterale  in  programma  o  meglio   devolva   il suo  stipendio   e quello  di tutta l’amministrazione (maggioranza e opposizione) per questo fine. In ultimo, egregio sindaco, le ricordo che è obbligo del comune in collaborazione con i dirigenti scolastici predisporre il personale scolastico per tempo, al fine di garantire il diritto allo studio a TUTTI. In qualità di Presidente del Movimento Civico Il Paese che Risorge, sarò al fianco di quelle famiglie, monitorerò la questione e valuterò ogni tipo di azione da intraprendere, per garantire tutti i loro diritti” conclude.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE


lL PROGRAMMA PER IL MESE LUGLIO DI “ARTE… IN CENTRO”
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •