Cresce l’attesa per la prima rappresentazione del 26 dicembre, alle 17, nel borgo medievale della chiesa di Santa Maria in Castello.

Cresce l’attesa per il presepe vivente di Tarquinia, a tre anni di distanza dall’ultima edizione. Nel borgo medievale della chiesa di Santa Maria in Castello i volontari dell’associazione Presepe vivente Tarquinia hanno installato tutte le scenografie, pronte ad accogliere il 26 dicembre, dalle 17, figuranti e i visitatori. Porta d’ingresso alla rievocazione il torrione detto di “Matilde di Canossa”, con la sua resecata. Il percorso proseguirà fino alla chiesa di Santa Maria in Castello, attorno cui si svilupperanno molte delle scene della rievocazione. L’itinerario si concluderà poi all’arco che conduce a via Fontana Nova. Qui, sotto la rupe dove sorge la chiesa simbolo della cittadina tirrenica, sarà allestita la Natività. “Ci auguriamo una grande partecipazione di pubblico – affermano dall’associazione Presepe vivente Tarquinia -. È stato fatto un ottimo lavoro, curando tutti gli aspetti nei minimi dettagli, per offrire uno spettacolo suggestivo e per risaltare tutta la bellezza di questo angolo del centro storico”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com