fiadel

Fiadel Cisal : ” Seport non ci ha ancora convocato”

18 Gennaio 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nel corso di un’assemblea con il personale tenutasi lo scorso giovedì, l’amministratore delegato della S.E.PORT.,  società che si occupa dei servizi ecologici all’interno del porto, ha conferito ad alcuni dipendenti i premi di produzione riferiti al 2015.

“C’erano veramente tutti i lavoratori all’assemblea  Fiadel Cisal – dove sono partiti anche degli applausi verso i premiati. Certo che dai racconti fatti dai lavoratori ci sembra di rivivere un pezzo di storia del nostro paese ed in particolare gli anni del boom economico quando forse ancora non si parlava di contrattazione collettiva aziendale di II livello. Questi premi, sono stati Risultati immagini per fiadel cisalassegnati “motu proprio” dall’azienda in assenza di contratto aziendale di II livello che si sarebbe dovuto stipulare aziendalmente con le RSU e le OO.SS.territoriali come previsto dall’articolo 2 lettera C) del CCNL FISE ASSOAMBIENTE non appena usciti i risultati di gestione 2015.

I criteri ‘meritocratici’ in base ai quali l’azienda avrebbe scelto i dipendenti da premiare, in più di qualche caso, non sarebbero stati improntati neppure alla coerenza, come nel caso di un lavoratore premiato per il numero di straordinari effettuati. Certo a prima vista tutto ciò sembrerebbe normale premiare un lavoratore che tanto si impegna nell’azienda e che rimane per molte ore al lavoro oltre l’orario ordinario. Ma purtroppo tutto ciò normale non sarebbe specie se il 18.06.2015 si è provveduto alla convocazione dell’OO.SS. per un informativa riguardante l’adozione dell’orario 5+1 per tutto il personale al fine di evitare il ricorso allo straordinario ed alla banca ore in quanto l’azienda, in perdita da qualche anno doveva limitare la spesa del personale, in attesa del rinnovo della concessione da parte dell’Autorità Portuale di Civitavecchia.

Nel suddetto incontro, il professionista incaricato dalla Società che presiedeva la riunione, ha addirittura paventato alle OO.SS. presenti all’incontro (Fiadel Ugl USB) l’ipotesi del ricorso della cassa integrazione se l’Autorità Portuale – presente nel capitale sociale della S.E.PORT. con una quota minoritaria – non avesse rinnovato la concessione. L’azienda, per contro, aveva promesso di incontrare nuovamente le OO.SS. alla fine di settembre per fare il punto sulla situazione. Ma nulla di tutto ciò è accaduto. Ma allora come mai nonostante lo stato di crisi alcuni hanno continuato a fare lo straordinario ed altri no? Quale è stato il reale risparmio derivante da questa operazione? Ancora a tutt’oggi non ci è dato sapere. Infine abbiamo richiesto di essere nuovamente convocati unitamente alle RSU ed alle altre OO.SS. per ridiscutere l’orario di cui sopra e parlare finalmente di contratto di II livello aziendale proprio per istituire un sistema premiale e meritocratico basato su criteri di valutazione condivisi che premino non soltanto la quantità anche la qualità della prestazione ed il disagio nonché i rischi. Ma ancora l’azienda non ci ha convocato. E soprattutto l’azienda ha informato di questa premiazione gli altri due soci Autorità Portuale e Compagnia portuale Roma?”.

 


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo