Vittorio Petrelli scrive al commissario Santoriello: ” A proposito del suppletivo TIA 2012…”

20 marzo 2014

Da Vittorio Petrelli, riceviamo e pubblichiamo.

“Egregio Commissario,

abbiamo letto sugli organi di informazioni il breve comunicato che informa i contribuenti dell’emissione, ad opera  di HCS, di un “suppletivo TIA  2012”. Si è appreso inoltre  che è relativo alla delibera di GM n.89 del 16 marzo 2009 per ” …una mancata perequazione, per l’esercizio 2008, tra costi e ricavi per il servizio di Igiene Ambientale pari ad euro 2.683,846,68.”

.La suddetta  perdita finanziaria e l’intenzione di inviare le bollette per la relativa  copertura ci ha indotto più volta ad interessarla ;  Le abbiamo anche  trasmesso le numerose sottoscrizioni della Petizione popolare con la quale i contribuenti lamentano la vessazione tributaria dell’azienda,  ed in una nota finale anche una diffida per la prescrizione della causa.

Sia da Lei che dal management di HCS nessun riscontro.

 Un nuovo balzello che era stato  soprannominato dai proponenti “Tia straordinaria 2009” per questo, se sono corrette le informazioni riportate,  appare  misero il tentativo di rinominarlo con una data che farebbe pensare superata la prescrizione.

Riteniamo quindi che il comportamento dell’Amministrazione non sia  conforme all’art. 2 della legge 212 del 2000 – Statuto del contribuente – riguardo la chiarezza e la trasparenza.

Così come riteniamo scorretto istituzionalmente non dare riscontro alle nostre istanze o motivare in forma scritta le ragioni di tale ostinazione.

Noi che siamo in mezzo ai cittadini conosciamo quanto la misura sia colma, quanto siano stufi di strapagare per un servizio non all’altezza del corrispettivo pagato ma soprattutto sono stanchi della mancanza di buona fede.

Non solo non sono state formulate le scuse  da parte di chi ha istituito la TIA straordinaria 2011 ma sono risultate arroganti kle affermazioni del management di HCS circa gli sviluppi della sentenza del TAR.

Così facendo è saltata la fiducia dei contribuenti.

Conoscendo l’enormi difficoltà finanziarie dell’azienda Vi domando se fosse stato più opportuno inviare la fatturazione ordinaria invece che ostinarsi a chiedere quella straordinaria quando oltretutto non siete in grado  di controbattere i dubbi di legittimità sollevati da più parti?”

Commenti

commenti