27sciopero

Usb. Continua la sciopero dei lavoratori della società “Sorpasso”

28 novembre 2013

Continuerà ad oltranza lo sciopero indetto da USB Lavoro Privato dei lavoratori della società Sorpasso, cooperativa in appalto per la logistica presso i magazzini di Mondo Convenienza.

Dopo lo straordinario inizio dell’azione di lotta, avviata con successo già da ieri con il blocco generalizzato delle attività di carico/scarico, lo sciopero proseguirà infatti nei prossimi giorni fino al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Così hanno democraticamente deciso i lavoratori riuniti in assemblea dopo l’incontro con la controparte avvenuto nel pomeriggio, durante il quale, a fronte di generici impegni privi di concretezza, si è di fatto manifestata una totale chiusura alle richieste dei lavoratori e del sindacato.

Le motivazioni dello sciopero sono chiare. Vittime di un cambio di appalto al ribasso – pratica purtroppo assai diffusa nel mondo del lavoro per comprimere diritti e salario – i lavoratori si sono ritrovati di colpo senza TFR, e, pur continuando a svolgere le medesime mansioni, con un netta diminuzione dei livelli retributivi già acquisiti. Per questo si sono rivolti in massa alla USB Lavoro privato, rivendicando ovviamente ciò che gli spetta e chiedendo inoltre di poter avere proprie rappresentanze sul posto di lavoro per affrontare le importanti problematiche esistenti. A partire ovviamente da quelle riguardanti la sicurezza e la tutela delle condizioni di lavoro, aspetti di particolare rilevanza per attività a forte rischio di incidente come quelle abitualmente svolte nel settore logistica.

La scelta in favore della USB Lavoro privato non deve essere però piaciuta ai vertici della Sorpasso, che nonostante un pressante invito al confronto si sono dichiarati contrari a riconoscere i più elementari diritti sindacali. Una posizione inaccettabile, come pure è inaccettabile che sia l’azienda e non i lavoratori a scegliere le organizzazioni sindacali con cui trattare.

USB Lavoro Privato auspica che la società Sorpasso sappia ben valutare la situazione, mostrando finalmente reale volontà di dialogo e rispetto delle rappresentanze liberamente scelte dai lavoratori.

Commenti

commenti