cpc

Calcio. Una CPC2005 in piena emergenza attende l’Aranova

3 novembre 2017

Sarà l’Aranova l’avversario di domenica al Fattori nel campionato di Promozione, con il match al via alle ore 11.
Settimana tormentata dopo l’ottimo pareggio di domenica scorsa con l’Accademia, in cui  gli infortuni  l’hanno fatta da padrone. Assenti sicuri oltre ai lungodegenti Poggi, Desosas e Brunetti, per lui il rientro previsto con la Pescatori Ostia, Paolini fermato dal giudice sportivo e a cui vanno aggiunti Delogu, Loiseaux, Massaro, Ruggiero e Nunziata.
Per Delogu uno stiramento muscolare valutato nell’entità di due cm, lo terrà lontano dal terreno di gioco per molto tempo. Ruggiero nella partitella di martedi ha accusato una distorsione al ginocchio, e seppur sembri rientrato il pericolo di danni seri all’articolazione solo oggi verrà valutato se impiegarlo o meno domenica. Nunziata reduce dalla lussazione di una falange della mano qualche settimana fa ha ancora dolore e gonfiore al dito, e per lui come per Ruggiero si valuterà l’impiego o meno. Loiseaux accusa dolore ad una coscia e a meno di un miracolo per  lui il posto sarà solo in panchina. Massaro dal canto suo sono due settimane che si allena a fasi alterne e gioca con un dolore lancinante al polpaccio, e l’impiego per lui sembra improbo visto che ha saltato le ultime due sedute.
Di fronte ci sarà un avversario che ha sempre fatto bene in questa categoria, e che dopo una partenza a corrente alternata ha intrapreso il suo cammino. La sconfitta di misura con l’Ottavia di domenica ne è la riprova, il match dalle mille incognite è servito per la CPC2005.
Sarà dura per mister Blasi trovare l’esatta quadratura, con i giovani che dovranno per forza essere protagonisti domenica; come  non mai.

“Certamente non sarà facile cosi come di riflesso dovranno uscir fuori tutte le energie mentali e fisiche, dichiara mister Blasi, per superare l’ostacolo Aranova. L’ultima settimana è stata veramente pesante sotto il profilo degli infortuni, ma confido nella determinazione e voglia dei ragazzi. Tornare indietro ad inizio stagione con le prestazioni anonime  sarebbe sintomo di fallimento, e allo stesso tempo di rinuncia. Le grandi squadre emergono nei momenti di difficoltà, si può anche perdere in emergenza ma con il coltello fra i denti e la convinzione al fischio finale di aver dato tutto. E domenica sono certo che i ragazzi tireranno fuori una prestazione maschia e da CPC.”

 

Commenti

commenti