Un’altra città possibile: “l’ex assessore Mecozzi farebbe meglio a tacere i suoi fallimenti parlano per lui”

28 marzo 2014

Dal Comitato Un’altra Città è possibile, riceviamo e pubblichiamo. “E’ inimitabile la capacità di arrampicarsi sugli specchi dell’Assessore Mecozzi dopo averci fatto sorridere dandosi il merito di un’inverno senza disagi idrici per merito di una saggia gestione della questione idrica, per poi tacere quando i soliti problemi idrici si sono riaffacciati in città e in zone periferiche densamente abitate, cosi come è successo nelle ultime due settimane in quasi tutta la nostra città (anzi diamo un consiglio all’ex assessore eviti per un po’ di andare a San liborio e in altre zone, li purtroppo li da ridere gli abitanti hanno ben poco) . Anche sul mercato il coerente Mecozzi (candidato a sinistra, passato a destra per poi ritornare a sinistra mica male per un quarantenne) avrebbe fatto meglio a tacere, basta, infatti, fare delle semplici ricerche su internet per vedere come tutte le sue previsioni fossero sbagliate, prima una data poi un’altra e cosi via fino ad arrivare ad oggi con il mercato fermo e l’ennesima data da stabilire . Sarà per questo che all’ultimo incontro di commercianti e mercatali ce ne erano davvero pochi. E se fosse stato un attento presente e fattivo assessore in questa campagna elettorale di mercato non se ne sarebbe dovuto parlare, perché sarebbe stato funzionante per la gioia di tutti i civitavecchiesi . In ultimo probabilmente il Commissario Prefettizio ha deciso di rapportarsi con Mecozzi perché voleva delle risposte sulle tante cose non fatte a partire dal mercato stesso per finire con il dearsenificatore. Mecozzi lasci perdere ormai i civitavecchiesi hanno capito il suo blef e a maggio se ne renderà conto anche lui”.

Commenti

commenti