nave fasan

Torna la Fregata Virginio Fasan nel porto di Civitavecchia

18 maggio 2018

Dal 19 al 21 maggio la Fregata Europea Multi Missione (FREMM) Virginio Fasan della Marina Militare sosterà nel porto di Civitavecchia, al termine della sua partecipazione all’esercitazione ” Mare Aperto “, svoltasi per dieci giorni nel Mediterraneo Centrale, insieme  alle  componenti delle altre forze nazionali e Nato, con lo scopo di favorire il processo di integrazione necessario per assicurare la difesa degli interessi nazionali.

In uno scenario di crisi internazionale, nave Fasan ha messo in pratica il suo concentrato di moderne tecnologie e soluzione ingegneristiche all’avanguardia, insieme alla competenza del suo equipaggio, dimostrando di poter garantire elevate capacità operative, ma anche di fornire assistenza umanitaria e soccorsi in caso di calamità naturali.

Durante l’addestramento, iniziato lo scorso 7 maggio e svoltosi nella maniera più realistica possibile, la fregata ha condotto attività di difesa aereonavale, di contrasto a traffici illeciti e di sorveglianza subacquea, tutelando la libertà di navigazione a favore degli interessi del nostro Paese.

L’unità è la seconda delle fregate di ultima generazione classe FREMM e la prima in configurazione anti – sommergibile (Anti Submarine Warfare). Costruita ed allestita da Fincantieri e dalle restanti aziende del gruppo Finmeccanica, è stata impostata nel 12 maggio 2009, varata il 31 marzo 2012 e, in seguito, trasportata allo stabilimento di Muggiano (La Spezia) per il completamento dell’allestimento e le prove di collaudo. La fregata Fasan è stata consegnata alla Marina Militare il 19 dicembre 2013 e, attualmente, si trova alle dipendenze del 1° Comando Divisione Navale, con sede a La Spezia.

Durante la sosta a Civitavecchia la nave sarà ormeggiata presso la banchina Cialdi e aperta per le visite a bordo a favore della popolazione nelle seguenti modalità:

Sabato 19 maggio dalle 15.00 alle 18.00;
Domenica 20 maggio dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00.

Commenti

commenti