tidei conferenza

Tidei: “Dopo Pasqua la nuova giunta”

22 marzo 2013

Una settimana di passione. Non è (solo) quella Santa, ma anche quella che precede un azzeramento di giunta che rappresenta un vero e proprio imbuto politico-istituzionale dal quale la maggioranza al governo della città, dopo appena dieci mesi, è chiamata ad uscire rafforzata, per non ritrovarsi di già con le ossa rotte. Sicuramente va dato atto al sindaco di aver preso il toro per le corna. Questa mattina Pietro Tidei ha convocato la stampa e vuotato il sacco. Annunciando che subito dopo Pasqua avverrà l’azzeramento di giunta e con esso la formazione di un nuovo esecutivo cittadino, i cui membri saranno scelti in base alla competenza, con il requisito della laurea e con tanto di corsia preferenziale destinata alle donne. Ma non è certo la questione delle quote rosa ad aver spinto il primo cittadino al passo di ieri. Sul banco degli imputati sono finiti infatti il vice sindaco Enrico Luciani e l’assessore all’ambiente Roberta Galletta. Sul primo pesa soprattutto la responsabilità politica di aver spesso disconosciuto, nell’ultimo caso con un’intervista televisiva all’emittente Trc, i difficili equilibri raggiunti nelle riunioni di maggioranza tra Pd e Sel. La conferenza è peraltro avvenuta alla presenza di vendoliani doc come i consiglieri De Crescenzo e Agostini e l’assessore Serpente. Che non hanno rilasciato dichiarazioni davanti all’affondo di Tidei, il quale ha apertamente bollato come “maleducazione” la pratica di sparare a palle incatenate verso l’amministrazione, lanciando l’ultimatum: o si cambia registro, o la coalizione naufraga. E dopo gli ondivaghi giudizi sulla conferenza dei servizi Enel, anche la Galletta è finita nel mirino. “Prima mi ha abbracciato per il risultato raggiunto – ha raccontato il sindaco – poi ha sconfessato tutto, infine mi ha chiesto scusa in privato telefonandomi e aspettandomi sotto al Comune, ma non pubblicamente. Senza coerenza non si va da nessuna parte”. Coerenza che è stata infine riconosciuta alle liste civiche. “È giusto dare più spazio a queste forze politiche, che dovranno avere il loro peso in giunta”. Insomma, il solco è tracciato. Ora vedremo in quale direzione.

Commenti

commenti