comunenuovosito

Tia straordinaria, Petrelli: “cosa farà il Commissario se il Tar darà torto al Pincio”

18 gennaio 2014

Giovedì prossimo è prevista la sentenza definitiva del Tar in merito alla vicenda della Tia straordinaria 2011. A meno di una settimana dal giudizio, Vittorio Petrelli scrive una lettera aperta al commissario prefettizio, al quale chiede cosa farà nel caso in cui il giudizio si rivelasse negativo per il Comune. Nello specifico, Petrelli vuole sapere se il commissario prefettizio intende dare seguito al rimborso di quegli utenti, pari al 40% dell’utenza generale, prima della fine del suo mandato. Di seguito la lettera di Petrelli. “Egregio Commissario, per i miei precedenti da consigliere comunale che si è occupato anche delle aziende comunali, ritengo lecito chiedere notizie riguardo il ricorso al TAR contro la delibera di C.C. 136 del 18 dicembre 2012 avente ad oggetto l’adeguamento della tariffa rifiuti per l’esercizio finanziario 2011, il cui giudizio verrà pronunciato il prossimo 23 gennaio (anche se bisognerà attendere un’altra decina di giorni per conoscere l’esito). L’adeguamento è stato piuttosto pesante da digerire, visto che la tariffa era già stata pagata in precedenza. E’ evidente che si è trattato di un provvedimento teso a fare cassa per HCS, in un momento particolarmente critico (si rischiava di non pagare gli stipendi degli addetti alla nettezza urbana, nonché per predisporre una sorta di concordato con i creditori). All’origine di tutto, la gestione clientelare della premiata ditta (elettoralmente parlando) Moscherini & C. che ha assunto lavoratori, attribuito avanzamenti di carriera e assegnato superminimi senza alcun pudore e in barba alle più elementari regole di buona gestione. Al contempo, anziché prendersi la responsabilità di aumentare la tariffa per coprire i costi che aumentavano, sono state gonfiate le previsioni di entrata, creando le premesse per uno sbilancio finanziario di circa 5 milioni, ammanco regolarmente attestato nella delibera di cui sopra. In considerazione del giudizio imminente, si chiede di conoscere quale modalità Ella vorrà adottare, qualora il giudizio si rivelasse negativo per l’Ente e se intende dare seguito al rimborso di quegli utenti, pari al 40% dell’utenza generale, prima della fine del suo mandato”.

Commenti

commenti