comunenuovosito

Tia straordinaria, il Tar dà ragione alla Confcommercio

6 marzo 2014

Alla fine la Confcommercio ha avuto ragione. Il Tribunale Amministrativo Regionale ha emesso la sentenza definitiva con cui ha accolto il ricorso presentato dall’associazione in merito al pagamento della Tia straordinaria 2011. Una decisione che, come detto ieri al TrcGiornale, era attesa entro la metà del mese, ma che invece è arrivata ieri sera. Il Tar, quindi, ha confermato la prima sentenza emessa nel giugno scorso, dichiarando illecita la richiesta di pagamento della tassa da parte di Comune e Hcs nei confronti dei cittadini. La decisione del Tribunale ha due importanti risvolti: da un lato conferma la sospensiva, dall’altro determina l’annullamento della delibera. In sostanza, secondo i Giudici del Tar, richiedere agli utenti il pagamento di questa tassa extra non era lecito. Soddisfatto il dottor Vincenzo Palombo, Presidente della Confcommercio, che ha spiegato che il Tribunale ha accolto tutte le accezioni presentate dall’associazione, dichiarando veritiere tutte le motivazioni addotte secondo le quali i cittadini non dovevano pagare la Tia straordinaria. A questo punto, gli utenti che non l’hanno pagata, semplicemente, non dovranno dare nulla. Più complicato, invece, il discorso per i civitavecchiesi che hanno elargito il pagamento. “Per loro – fa sapere Palombo – stiamo aprendo un apposito ufficio, ma dovrebbe essere sufficiente una richiesta di rimborso ad Hcs da parte degli utenti”. Ma si apre ora un altro capitolo. Il giorno prima della sentenza, Palombo aveva spiegato di avere intenzione di chiedere un incontro urgente al commissario straordinario Ferdinando Santoriello, per sapere che intenzioni avesse in merito al pagamento della Tia straordinaria 2009 e perchè non aspettasse la sentenza definitiva del Tar prima di prendere qualsiasi decisione. Ora che la sentenza è arrivata, resta da vedere come intenderà muoversi Palazzo del Pincio. La Confcommercio, comunque, sembra già pronta ad attivarsi: “Se le motivazioni che hanno portato a chiedere il pagamento della Tia straordinaria 2009– spiega infatti il Presidente dell’associazione – sono le stesse della Tia straordinaria 2011, ovvero un reperimento di risorse per la holding, siamo pronti a presentare un nuovo ricorso”.

Commenti

commenti