Tarquinia. Oltre 2500 visitatori per le tombe del Tifone, dell’Orco e degli Scudi

25 marzo 2014

Oltre 2500 persone hanno visitato le tombe etrusche dipinte del Tifone, dell’Orco e degli Scudi aperte in occasione delle Giornate FAI di Primavera. Perfetta la macchina organizzativa che ha visto impegnati la polizia locale e il gruppo comunale della protezione civile, per la viabilità, le guide turistiche dell’associazione Artetruria e gli studenti dell’Università della Tuscia, che hanno accompagnato i visitatori alla scoperta dei tumuli, le ditte ISAM, Ditech e Lanzi, per il supporto logistico, coordinati dell’assessorato al turismo del Comune di Tarquinia. «Nonostante il maltempo abbiamo avuto un riscontro straordinario, con tantissimi visitatori in coda per vedere le tombe. – dichiara l’assessore Sandro Celli – La manifestazione ha permesso di valorizzare e promuovere il nostro eccezionale patrimonio artistico. Un plauso va alla polizia locale, al gruppo comunale della protezione civile, ad Artetruria, agli studenti dell’Università della Tuscia, alle ditte ISAM, Ditech e Lanzi, all’archeologa Lorella Maneschi e al dott. Nicola Rosati, per l’encomiabile lavoro svolto. Ringrazio la soprintendente dell’Etruria meridionale, dott.sa Alfonsina Russo, la direttrice del Museo Archeologico Nazionale, dott.sa Maria Gabriella Scapaticci, per l’entusiasmo dimostrato nel realizzare questa iniziativa; e la delegazione del FAI, nelle figure delle dott.se Valeria Grilli e Francesca Romana Stocchi, con cui abbiamo instaurato una proficua collaborazione».

Commenti

commenti