Tarquinia. Domenica sarà svelato il mistero dell’autore della marcia del Cristo Risorto

14 marzo 2013

Esisteva un mistero che incuriosiva tutti i cittadini tarquiniesi! Nessuno ha mai saputo, con certezza, chi fosse l’autore della marcia che scandisce della processione del Cristo Risorto: dal popolo ai portatori, dalla banda agli sparatori, dai “tronchi” ai “lampioni” e allo “stendardo”. Il mistero sarà svelato domenica 17 marzo alle ore 11:00 nella sala consiliare del palazzo comunale. Un mistero che volteggiava sulle teste dei tarquiniesi, insieme alla statua del Cristo che letteralmente “naviga” avanzando imponente tra i flutti del mare di folla presente ogni domenica di Pasqua. Per decenni vari ricercatori si sono spesi alla ricerca del compositore della colonna sonora della più importante manifestazione della città. I tarquiniesi, la cui devozione al Cristo Risorto è totale, passionale, hanno riversato quello stesso amore anche su quel tema musicale così allegro e coinvolgente, tanto da adottarlo come “inno” della loro città. L’anno scorso, per un’iniziativa voluta dal presidente dell’Associazione Musicale “Giacomo Setaccioli” di Tarquinia, Sergio Bernabei, è stato depositato presso la S.I.A.E. un arrangiamento della marcia Resurrezione elaborato dai maestri Danilo Ciatti e Mauro Senigagliesi. Dopo mesi di ricerche, la S.I.A.E. ha ora determinato ufficialmente che la marcia è un’opera inedita, cioè è un originale di un autore sconosciuto e quindi “proprietà intellettuale” della banda cittadina.

Commenti

commenti