Tarquinia. Chiuso al km. 83 + 300 della SS1 Aurelia un accesso non autorizzato

27 luglio 2014

«Mero sciacallaggio mediatico per meri interessi politici. Anche su una questione che non ha senso di esistere, qualcuno polemizza in modo bieco e insensato». Lo afferma il sindaco Mauro Mazzola, in riferimento alla chiusura di un accesso non autorizzato al km. 83 + 300 sulla statale Aurelia operata da SAT. SAT, su sollecitazione del primo cittadino, ha inviato una nota al Comune, dove afferma che «con riferimento alla documentazione consegnata dal Compartimento Anas Lazio, l’accesso indicato in oggetto non risulta essere autorizzato. Con l’approvazione del progetto di realizzazione del tratto autostradale, è stata approvata anche una serie di interventi di riqualifica e d’integrazione della viabilità secondaria, che garantisce il collegamento delle unità abitative, servite dalla SS1 Aurelia, con i centri abitati e Tarquinia… Nell’area territoriale localizzata all’altezza del km 83 + 300 della SS1 Aurelia, prima della chiusura dell’accesso in argomento, è stato verificato che lo stato in essere della viabilità secondaria è comunque tale da garantire il collegamento delle unità abitative ivi collocate con gli altri accessi esistenti e ancora in esercizio del tratto SS1 Aurelia interessato dai lavori e, quindi, con i centri abitati, compreso Tarquinia». «Questo è quanto afferma SAT. – prosegue il sindaco Mazzola – L’Amministrazione è vigile e non molla di un centimetro, quando si devono tutelare i legittimi interessi delle persone. Biasimo chi “blatera” sull’importantissimo tema della sicurezza stradale e cerca ogni occasione per avere solo un’effimera visibilità. Se qualcuno vuole far transitare insieme, mezzi agricoli e pesanti e le automobili, sbaglia. Lo dimostra anche il recente incidente avvenuto in un tratto nel quale non ci sono i lavori».

Commenti

commenti