Tarquinia brinda con DiVino Etrusco

31 luglio 2014

In alto i calici con DiVino Etrusco. Al via domani 1° agosto la tre giorni che unisce cultura ed enogastronomia, in un inebriante itinerario tra le vie e le piazze del centro storico di Tarquinia. I visitatori, ogni sera dalle ore 20, potranno sorseggiare vini eccellenti e conoscere da vicino grandi e piccole realtà vitivinicole dell’Alto Lazio e della vicina Toscana. Nove i punti di degustazione: a piazza Cavour con Terre Giorgini Santa Maria ed Etruscaia; a piazza Duomo con Tenuta Sant’Isidoro e Muscari Tomajoli; a piazza Santo Stefano con Villa Puri e Fattoria Madonna delle Macchie; a piazza Soderini con Cantina di Gradoli; a via Vitelleschi con Cantina di Cerveteri; a piazza San Martino con Cantina di Montefiascone e Viticoltori Colli Cimini; a via Giuseppe Garibaldi con Cantina Elisa; all’Alberata Dante Alighieri con Poggio Nebbia e Gattavecchi. Per l’occasione, ristoranti, enoteche, bar, gelaterie e pub proporranno lo street food a tema DiVino Etrusco, dando la possibilità di assaggiare vere e proprie prelibatezze a costi modici. Ad animare le serate concerti, spettacoli di artisti di strada e mostre, e un gran finale il 3 agosto, alle ore 22, nella chiesa di Santa Maria in Castello, con il concerto degli Scipiobones (ingresso libero), un coro di tromboni che proporranno musiche di Verdi, Piazzolla, Rossini, Puccini, Webber, Williams, Morricone, Trovajoli, Miller e Renis. Il biglietto per le degustazioni avrà un costo di 10 euro e sarà valido per tutta la durata della manifestazione. Le casse, due, saranno poste a piazza Cavour e a piazza Giacomo Matteotti. DiVino Etrusco è organizzato dal Comune di Tarquinia, assessorati al turismo e al commercio, con il patrocinio della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, il sostegno della Camera di Commercio di Viterbo e in collaborazione con la Pro Loco Tarquinia e il Comitato San Martino. La rassegna è inserita nell’ambito delle Feste del Vino della Tuscia. Per ogni informazione è possibile consultare la pagina www.facebook.com/tarquinia.divinoetrusco.

Commenti

commenti