Tarquinia. Book&Wine riparte e racconta l’emozione della Transhumance

9 gennaio 2014

Book&Wine apre il 2014 e lo fa omaggiando una realtà fatta di tradizione e di mestiere che l’Università Agraria di Tarquinia – ideatrice e promotrice della kermesse enoletteraria – sente molto vicina: quella della transumanza, dei butteri e cavalieri che, con la loro attività, hanno vissuto e vivono il forte rapporto tra uomo, natura e animale. Il libro di cui si parlerà sabato 11 gennaio, alle ore 18, presso la sala consigliare del palazzo comunale (piazza Giacomo Matteotti n. 6), s’intitola infatti Transhumance – Diario di una composizione unica al mondo, opera che racconta tra testi e immagini la splendida avventura vissuta, l’estate scorsa, da uomini e animali di Maremma attraverso la Provenza, sino a giungere – assieme ai guardian della Camargue – a Marsiglia, capitale europea della cultura per il 2013. Tramite le parole della curatrice Ambra Famiani e gli scatti della fotografa Laura Santelli, il libro trasmette emozioni e scenari di un viaggio fatto d’intenso rapporto con la natura, con gli animali che per giorni hanno accompagnato gli spostamenti, sino a un trionfale ingresso in una Marsiglia gremita di migliaia di persone in attesa del corteo. La serata di sabato sarà perciò un percorso tra parole e immagini guidato da Carlo Falzetti, che racconterà della transumanza tra passato e presente, e da Ambra Famiani, che intervisterà alcuni dei protagonisti dell’evento, molti dei quali provenienti da Tarquinia e Montalto di Castro. Ad accompagnare la chiacchierata, anche – come sempre a Book&Wine – un “viaggio” nel gusto: quello che dai vini italiani dell’azienda tarquiniese Terre della Farnesiana passa ai dolci francesi realizzati, per l’occasione, dai ragazzi dell’IPSEOA di Montalto di Castro. Una degustazione guidata con la consueta competenza dai sommelier della FISAR – Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori. Per la prima volta, con l’inizio di questo 2014, Book&Wine beneficia del patrocinio del Comune di Tarquinia. La kermesse collabora già da mesi con altre realtà cittadine, a partire dall’Associazione Artistica Culturale La Lestra e, nell’occasione, con i Cavalieri di Maremma.

Commenti

commenti