TARI

TARI 2015 – CODICI assisterà i Consumatori nella procedura

12 Gennaio 2019
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

CIVITAVECCHIA: Il caso TARI 2015 è più complesso da risolvere di quanto sembri. La richiesta da presentare al proprio Istituto Finanziario, infatti, non annulla automaticamente l’atto legale giunto nelle case dei Cittadini.

E’ necessario infatti che sia prodotta un’apposita richiesta di Annullamento in Autotutela, non basta trasmettere per conoscenza il modulo inviato alla Banca.

Parlando poi delle Banche, essendo prevista per loro una sanzione in caso di errori sul caricamento degli F24 riteniamo probabile che non saranno poi così disponibili nell’accogliere, senza colpo ferire, le istanze dei Cittadini.
Gli errori inoltre non riguardano solo il problema nel codice catastale, ma ci vengono riferiti anche casi di problemi con il numero di componenti del nucleo familiare, con il calcolo della superficie soggetta a tassazione oppure di duplicazioni di imposta (tipico il caso di chi ha venduto un immobile e la richiesta di tassazione viene ricevuta sia dal venditore che dal compratore).
Per coloro i quali invece effettivamente non dovessero aver pagato si pone, in alcuni casi, il problema degli importi elevati, come segnalatoci da decine di nostri soci.
Nel nostro ruolo di Associazione di Tutela dei Consumatori abbiamo quindi preso contatti con il Comune, che ringraziamo per la disponibilità, il quale ci ha confermato che metterà a breve sul sito il modulo per fare l’istanza in autotutela.
Per quanto riguarda invece gli importi, grazie al fatto che finalmente sono state accolte le pressanti richieste della nostra Associazione di rendere più agevole il pagamento delle imposte arretrate, sarà possibile ottenere una rateizzazione. Ci è stato promesso che a breve saranno resi disponibili anche tali moduli.
Essendo inoltre diventata complessa la gestione della pratica per i Cittadini che, ovviamente, non possono perdere intere giornate per dipanare la matassa, informiamo che a partire da martedì 15 gennaio sarà possibile affidare allo Sportello CODICI di Via Bramante l’intera gestione della pratica, inclusa la tutela nei confronti della Banca in caso di problemi, in forma totalmente gratuita per i nostri soci.
Sarà sufficiente venire in sede con la comunicazione ricevuta dal Comune, il documento ed il codice fiscale dell’intestatario e la ricevuta di pagamento … al resto ci pensiamo noi.
A chi ancora non è socio oppure ha la tessera scaduta verrà richiesta l’adesione all’Associazione che, ricordiamo, ha il costo di sole 10 euro all’anno.
Concludiamo dicendo che, volutamente, non entriamo nel merito del perché questo sia successo: i Cittadini hanno votato Consiglieri e Politici proprio perché vigilino sull’attività della Giunta.
Per noi la Tutela del Consumatore che la legge ci impone di fare significa cercare di risolvere i problemi dei Cittadini al meglio delle nostre capacità, ed interagire con il Comune indipendentemente dal colore politico della Giunta per cercare di evitare che tali problemi possano nascere, tutto il resto è politica, e non ci riguarda.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •