rousseau_parlamentarie-675

Tanto Movimento per nulla

19 gennaio 2018

Sorprese dalla lista degli ammessi alle “parlamentarie”.
Palmieri, fedelissimo del sindaco, messo alla porta dai grillini.
La spaccatura non c’è, il malessere sì. E se questo è valido a livello nazionale per il Movimento 5 stelle, lo è ancora di più a livello locale, dove allo spaesamento per la gestione privatistica del soggetto politico si aggiunge la delusione per i risultati scadenti di quasi quattro anni di amministrazione. Dai meandri del M5s, in  genere assai avari di posizioni ufficiali e impermeabili a sollecitazioni esterne, attraverso un comunicato di Civitavecchia in Movimento (una delle due anime civitavecchiesi dei grillini) si è reso noto che c’è stato un incontro “per discutere e confrontarsi sulle improvvise nuove regole politiche del Movimento 5 Stelle valenti a livello Nazionale e pubblicate sulla piattaforma On Line Rousseau”. Per loro stessa ammissione, a Civitavecchia c’è chi vuole continuare e chi “non è riuscito proprio a metabolizzare un cambiamento così radicale, non partecipato, volto a rinnegare i principi fondanti del movimento”.
Intanto però la cordata del sindaco Cozzolino non supera il primo sbarramento, la bocciatura del suo fido delegato Andrea Palmieri è una bocciatura molto forte, mentre Marta Grande, che gli scherani del sindaco volevano all’angolo, resta in lizza.
Tutto lascia pensare che eventuali redde rationem saranno rinviati al 5 marzo… Ma questo sarebbe il nuovo che avanza? Non abbastanza buono, neanche per… metterlo in frigo. Almeno i partiti avevano regole chiare.

Commenti

commenti