Sportello Consumatori: “Il Comune sospenda la Tia”

17 marzo 2013

Riceviamo e pubblichiamo la nota stmpa dello Sportello Consumatori del Movimento dei Consumatori.

“Il Comune sospenda la TIA ed apra al dialogo.

Invitiamo i cittadini a pagare la TIA Straordinaria l’ultimo giorno utile e solo se ciò non crea disagio economico alla propria famiglia.

Dopo l’ovvia rivolta dei cittadini ora dalla maggioranza arriva quello che sembra essere un “ricatto”: se bloccate la riscossione della TIA STRAODINARIA sarete responsabili del dissesto del Comune. E poi invita tutti ad un incontro dove verranno nuovamente spiegate la disastrosa situazione economica delle partecipate.

Ma hanno invitato proprio tutti? ASSOLUTAMENTE NO. In perfetta continuità con la precedente amministrazione non si è pensato ai consumatori.

I Consumatori, quelli che la tariffa la pagano, non è necessario che sappiano cosa succede, non è necessario che conoscano retroscena, vedano atti, e, (spero gli Amministratori scusino la “parolaccia”), aprano una trattativa con l’Amministrazione, in modo di rendere sostenibile ed equa l’applicazione della tariffa.

Cosa si è fatto per perseguire chi non ha pagato? E per perseguire gli Esponenti della precedente Amministrazione, colpevole di tutti i mali di Civitavecchia, stando a quello che dice l’attuale maggioranza? Mostrateci gli atti, le denunce nominative ed autorizzateci a renderle pubbliche.

Con quale faccia ci si chiede di non tutelare i consumatori quando non si crea un tavolo istituzionale, previsto peraltro dalla legge, di confronto con le associazioni di consumatori riconosciute?

Il Movimento Difesa del Cittadino non ci sta e chiede, per ‘l’ultima volta pubblicamente, l’apertura del tavolo di confronto e la sospensione della TIA fino a che non siano acquisiti i prescritti pareri delle associazioni di consumatori.

Se entro la prossima settimana non riceveremo una convocazione per l’apertura e formalizzazione del tavolo istituzionale, distinto e distante da quello sindacale, non potremo far altro che prendere atto della volontà di questa Amministrazione di non rispettare un Ente Esponenziale posto a Tutela del Consumatore, quale noi siamo, e metteremo in atto tutte le azioni che la normativa ci concede, e la Class Action è la più “leggera” di cui disponiamo.

I cittadini sono stanchi di pagare non sapendo perché, sono stanchi di una Amministrazione che piuttosto che dialogare e confrontarsi, sembra sentirsi legittimata a prendere qualsiasi decisione perché “tanto è colpa della precedente Amministrazione”.

Ora al Governo c’è questa maggioranza e se le decisioni che vengono prese, e cioè di non dialogare e di tartassare il cittadino, porteranno alla Class Action ed al dissesto del Comune, la responsabilità è solo e soltanto di questa maggioranza.

Questa Amministrazione si sente autorizzata a non dialogare con nessuno, perché “investita” del dovere di evitare il fallimento del Comune: Noi abbiamo il dovere di evitare il fallimento delle famiglie, ed abbiamo il diritto di essere consultati.

Per questo consigliamo ai cittadini, se la propria situazione economica non lo consente, di pagare la TIA STRAORDINARIA se e quando potranno, e comunque non prima dell’ultimo giorno utile ed esclusivamente in forma rateizzata.

Alle cartelle esattoriali i Cittadini sono, purtroppo, abituati, e noi siamo a disposizione per tutelarli ed aiutarli, ma una volta pagata questa TIA STRAORDINARIA, se Città Pulita o HCS verrà venduta, chi ci garantisce che l’impegno di restituire i soldi verrà rispettato anche dai privati?

Chiudiamo con un appello ai Comitati spontanei che stanno nascendo: contattateci ed uniamo le forze!

La nostra Associazione è l’unica sul territorio che dispone delle prerogative di legge per agire con efficacia e dividere le forze è solo utile ad indebolire l’azione”.

Commenti

commenti