violoncello

Sant’Agnese fuori le mura. Un concerto inaugurale dopo il restauro dell’organo

16 Apr 2018

Il lavoro di restauro, ad opera della ditta Tamburini di Crema, ha previsto la rifusione e sostituzione delle canne piegate e pericolanti, il rifacimento dei cinque mantici, la sostituzione del motore e altri lavori di sostituzione, manutenzione e pulizia.

Con l’aiuto di tanti fedeli e amici, della parrocchia e non, il complesso monumentale di Sant’Agnese riabbraccia così uno dei suoi elementi storici: l’organo – ma non solo… ricordiamo anche il nuovo sistema di riscaldamento elettrico della basilica e la sostituzione dell’organo elettronico nel Mausoleo di Costanza.

Il Maestro Paolo De Matthaeis – organista della Basilica e del Mausoleo – suonerà alcuni celebri brani per organo, tra cui la celebre Toccata e Fuga in re minore BWV 565 di J.S.Bach, trascrizioni e brani.

Si aggiungeranno gli Archi della Cappella Musicale Costantina per suonare insieme all’organo altre pagine famose come l’Adagio di Albinoni nella trascrizione di Giazotto per Organo e Archi, seguirà la trascrizione dell’Ave Maria di Gounod di Ettore Bonelli e una stagione di Antonio Vivaldi – L’Estate – perché proprio nella partitura originale il violinista veneziano volle specificare la presenza dell’organo! L’ultima parte del concerto – oltre alla presenza dell’organo – prevede la partecipazione dei solisti, del coro e del resto dell’orchestra fino al noto Alleluja di Haendel!

PROGRAMMA

organo solo

J.S.Bach Preludio e fuga in mi minore BWV 533

D.BuxtehudeCiacona in mi minore BUXWV 160

J.S.BachAria in re maggiore

J.S.BachToccata e Fuga in re minore BWV 565

con l’orchestra

T.AlbinoniAdagio in sol minore per Organo e Archi

C.GounodAve Maria

A.VivaldiEstate

con il coro e con l’orchestra

C.FranckDomine non secundum (offertorio)

G.CacciniAve Maria

W.A.MozartDixit

G.F.HaendelAlleluja dal Messiah

Il concerto è previsto alle ore 20.15, dopo la Messa delle ore 19.

L’ingresso è gratuito!

Ci sarà al termine la possibilità di contribuire liberamente alla raccolta di fondi

per completare il pagamento dei lavori di restauro dell’organo stesso.

Commenti

commenti