Santa Marinella. Aurhelio sull’istituo della chiesa del Monte Calvario: “E’ proprio certo che la società possa venderlo?”

30 marzo 2013

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento del Centro Studi Aurhelio sulla vendita dell’Istituto e della chiesa del Monte Calvario.

“Nel corso degli ultimi giorni, oltre alle voci che si sono rincorse, abbiamo potuto apprendere dagli organi di stampa che la Congregazione per risanare un bilancio fallimentare, intenda vendere lo storico Istituto e l’antica Chiesetta. Oltre ad esser felici per l’intervento di Don Salvatore per salvaguardare il luogo di culto da meri interessi di ordine speculativo, riteniamo che sulla vicenda ci siano aspetti importanti che vadano assolutamente considerati. E’ legittimo che un atto d’amore verso i bambini di Santa Marinella, debba perdersi nei meandri del ripianamento finanziario, a causa di pessimi amministratori? Dalle ricerche che abbiamo effettuato su alcuni testi, le cronache di quei tempi, ci narrano che il terreno ed il manufatto esistente sia stato donato nel 1911 dalla Principessa Flaminia Odescalchi agli orfani ed ai bambini delle maestranze di Santa Marinella e dato solo in gestionealla Congregazione delle Suore dell’Addolorata al Monte Calvario. La donazione – come segnala Carlo Astolfi in “Santa Marinella nella Storia” – ha l’intento di far nascere un asilo ed una scuola di lavoro. Premesso che non ci è dato, purtroppo, conoscere tutti i dettagli della vicenda e che dal 1911 il manufatto (in origine era solo un terreno con un capannone) si è sicuramente valorizzato ed è stato utilizzato per fini caritatevoli e di accoglienza, l’interrogativo si fa stringente. E’possibile che un edificio religioso donato allo scopo di sostenere i bambini in difficoltà possa essere oggetto di ripianamenti finanziari? Ancor di più, ci chiediamo se possa esservi qualche sopravvissuto – a cui, di fatto, è stato donato il terreno e il manufatto dalla Principessa Odescalchi, che possa in qualche misura rivendicare, se non la proprietà, almeno la funzione sociale dell’immobile. Cionondimeno ed in subordine, riteniamo che vi debba essere una separazione equa tra quello che era in origine e le successive migliorie. Per tutte queste ragioni il Centro Studi Aurhelio intende sollecitare gli organi di competenza a verificare tutte i dettagli dell’operazione e – qualora vi fossero ancora dei sopravvissuti o eredi di essi –le opportune indagini, affinché un atto d’amore nei confronti dei bambini della nostra cittadina, come quello della Principessa Flaminia Odescalchi, non venga estinto per una operazione speculativa”.

Commenti

commenti