ernest-hemingway2

Il Racconto. Hemingway, vini e romanzi (Rubrica a cura di Paolo Tagliaferri, avvocato e scrittore)

17 settembre 2016

“Festa Mobile” e “Fiesta” di Papà Ernest Hemingway, ed Mondadori, euro 10,00 ed euro 13,00. “Midnight in Paris” di Woody Allen , euro 12,00.
La vita, a volte, scorre veloce e non ti lascia il tempo di scrivere sulle letture fatte. Appunti disordinati e poco professionali ai quali, però, ti affezioni. Cercherò di recuperare il tempo perduto.
Solerti professoresse e professori, per anni, hanno cercato di insegnarmi il “non approccio ai libri”. Non ci sono riusciti. Secondo loro, di Hemingway, andava letto (…perché letture cariche di tematiche , intrise di messaggio
e forse un po’ tristi, e dunque tendenti all’accademia: in due parole la letteratura secondo loro ) “Il vecchio e il mare” o “Addio alle armi”. Immaginatevi uno che non abbia mai bevuto il vino rosso e che, volendolo provare per
la prima volta, gli venga consigliato di iniziare con l’ Amarone, il Cannonau o il Barolo. Il vino rosso è troppo
forte? No. E’ cattivo? No. Il sommelier dovrebbe essere un tantinello più elastico? Si. Decisamente si! I tavolini,
gli artisti, il pernod, le donne, i tori, le sbronze, i libri, i pittori, i poeti, gli scrittori bravi, quelli meno bravi, i mostri sacri e poi la vita. La vita è il segreto. La vita e la morte. Mescolate insieme in un verde bicchiere d’assenzio. Pound, Dostoevskij, Scott Fitzgerald e moglie, la Stein, Evan Shipman, i quadri, Parigi, Pamplona.
L’America. Quella grande, immensa, libera e selvaggia. Quella che tutti noi amiamo grazie a Papà Ernest. Una birra gelata, le cosce di una donna, il fumo azzurro di una sigaretta.
La precisione, la perfezione, la musica delle parole di Papà. Un altro livello, un’altra categoria.
Anche nella leggerezza con cui narra le storie di ragazzi-artisti in cerca di successo c’è un genio immenso, immenso!
Il merlot è un vino troppo spesso bistrattato.
“Ruffiano” e “facile da bere”, si dice (mi è arrivata alle orecchie proprio così) ma il mio saggio amico Massimiliano Lombardo, che la sa lunga su molte cose, (come lo Zio di Paolo Conte) dice : – Ah si? Occhio che con il Merlot
ci fanno lo Chateau Pétrus! Bye bye noiosi. Sventolo un fazzoletto bianco con la destra, nella sinistra ho un bourbon con
ghiaccio tritato. Lo stesso saluto che manda il giovane sceneggiatore di Allen, perso nelle strade di Parigi. La Parigi di Papà, di Cole Porter, di Picasso e di tutti i geni che hanno vissuto nei suoi palazzi, camminato nei suoi parchi, respirato la sua aria profumata e incantata.
Una certa Francia, una certa America, una certa letteratura. Quanto mi mancano.
… “Et alors, Monsieur Hemingway, ça va?…” (Paolo Conte – Hemingway)

 

Commenti

commenti