acqua

Servizio idrico ko: ci mancavano i filtri rotti

18 Feb 2017

La denuncia del consigliere Girolami sullo stato della fornitura.
Ma fa notizia il silenzio del Pincio su un tema delicato come la salute dei cittadini, già messa a dura prova.
La situazione del servizio idrico a Civitavecchia è nota a tutti e con l’avvicinarsi della bella stagione sono in tanti i civitavecchiesi che iniziano ad avere incubi. Per la verità anche nel periodo invernale le cose non è che siano andate meglio, con diversi disservizi soprattutto nella zona alta della città che dimostrano lo stato di totale abbandono del servizio. Nonostante le rassicurazioni della Giunta, si è tornati al punto di partenza con il tema di nuovo balzato agli onori della cronaca per le dichiarazioni del consigliere comunale Girolami del Gruppo misto ma voce di quella parte del movimento cinque stelle non allineato con la politica del sindaco Cozzolino. Girolami durante il consiglio comunale di qualche giorno fa ha denunciato il malfunzionamento dei filtri a sabbia per quanto riguarda gli impianti di potabilizzazione, con il grave rischio di presenza di batteri nell’acqua erogata da Hcs. Tutto questo dettato dalla trascuratezza dell’amministrazione nella gestione del servizio, nonostante le rassicurazioni fatte in più di una circostanza dal primo cittadino e dal consigliere Floccari; proprio lui che, ed è cronaca, aveva annunciato che non ci sarebbero stati più problemi nella distribuzione dell’acqua durante il periodo estivo e sappiamo tutti come è andata a finire. L’attacco di Girolami è stato per così dire appoggiato dalla minoranza ed in particolare dal consigliere Mecozzi che del servizio idrico e delle disfunzioni a cinque stelle ne ha fatto nel corso dei mesi un cavallo di battaglia. Ma al di là della critica politica, anche si questo tema si è evidenziata la assoluta incapacità dell’amministrazione nel porre fine al problema e cosa ancora più grave il silenzio. Perché la denuncia è arrivata chi, Girolami appunto, quel problema lo conosce da vicino essendo proprio impiegato nel servizio idrico comunale ed in questo caso gestito da Hcs. E cosa ancor più grave il silenzio della Giunta, come su altri temi. Per fortuna che questa sarebbe stata l’amministrazione della trasparenza; sul servizio idrico e non solo è sembrato davvero il contrario.

 

Commenti

commenti