Podda: “Due consiglieri regionali faranno il bene per la nostra Civitavecchia”

6 marzo 2013

Al di là dei ringraziamenti, anche un programma politico. Che non si ferma alla tornata elettorale appena conclusasi, per lui con l’esclusione, ma va avanti con una offerta di collaborazione, al di là degli steccati, con i due eletti. Si tratta di Patrizio Podda, esponente de La Destra. “Al termine di queste elezioni regionali a risultare vincente è stata sicuramente Civitavecchia. Aver consentito l’elezione di due esponenti del territorio nella massima assise regionale, unico motivo per il quale ho accettato la mia candidatura battendomi fino allo stremo, significa senz’altro aver garantito una solida base per la rappresentatività della città e del territorio ai livelli sovracomunali. A loro, vale a dire ai neo eletti consiglieri Gino De Paolis e Devid Porrello, vanno i miei più sinceri complimenti e gli auguri di un buon lavoro in Regione al servizio della città e del territorio, sicuro che sapranno interpretare al meglio le istanze della collettività e dei giovani civitavecchiesi. Personalmente, ritengo soddisfacente il mio risultato, soprattutto considerato il contesto sociale in cui le elezioni si sono svolte ed il difficile clima politico – istituzionale che il Paese vive in questo momento. Perciò, ringrazio tutti gli elettori, quanti hanno sostenuto la destra e le circa 700 persone che scrivendo il mio nome hanno sottoscritto il mio progetto, in particolare a loro ma a i cittadini prometto il mio impegno incondizionato per lo sviluppo e il rilancio del nostro territorio. Questi consensi rappresentano una solida base da cui ripartire per costruire un’alternativa concreta di destra, non demagogica, non populista, ma sempre rivolta ai cittadini, alle esigenze dei più deboli e mai dei più forti. Questa idea troverà sempre in me un accanito sostenitore e rimango a disposizione anche dei due neo eletti consiglieri regionali, per portare avanti battaglie sociali su temi seri e importanti che riguardano la città. Chiunque voglia farsene carico insieme a me sarà ben accetto, guardando sempre avanti e al futuro delle nuove generazioni”, conclude Podda.

Commenti

commenti