tideistudio

Pietro Tidei formula le sue proposte per l’economia cittadina

17 febbraio 2014

Da Pietro Tidei, riceviamo e pubblichiamo.

“Nell’anno e mezzo di amministrazione della città ho avuto conferma che uno dei problemi che ne  provocano l’immobilismo è l’assoluta carenza  di fondi. Questione che addirittura mi ha fatto temere il fallimento del Comune. Il tutto causato dalla dissennata gestione delle società pubbliche comunali che assicurano servizi essenziali come l’acqua, i trasporti,la raccolta dei rifiuti e dalla gestione delle altre risorse comunali.

Sono stati  dodici mesi trascorsi nell’affanno di pagare stipendi e assicurazioni sociali ai dipendenti e ad onorare tutti gli altri debiti che avevo trovato al mio insediamento.

Da questa situazione nasce quindi l’iniziativa  di chiedere ai passeggeri che transitano per la città una modestissima tassa,assimilabile a quella di soggiorno,che ripaghi i costi indiretti che tale transito produce e che stanno pagando invece i civitavecchiesi.

Il passaggio nel territorio comunale di 3.500.000 persone che si imbarcano o sbarcano hanno costi in termini di servizi offerti come viabilità e manutenzioni che sono interamente a carico di soli 50.000 residenti.

La domanda che mi pongo è se ciò sia corretto. L’ovvia risposta è che anche i croceristi debbano concorrere al sostegno delle spese. Certo in misura proporzionale e modesta che potrebbe essere individuata tra i due e tre euro da aggiungersi al costo del biglietto.

Tra l’altro tale tipo di imposta già sussiste per chi ad esempio si reca in alcune isole,ma soprattutto già esiste per i transiti in zona portuale ,giacché l’Autorità Portuale da tempo riscuote una sorta di 

pedaggio per i servizi che il Porto offre.

Concretamente ritengo che la questione possa trovare soluzione nell’ambito di una convenzione quadro tra Comune ed A.P.,al fine di suddividere equanimemente tra i due enti le imposte incassate per il transito dei passeggeri.

Spetterà poi al nuovo sindaco della città determinarne l’uso nell’interesse dei cittadini di Civitavecchia.”

Commenti

commenti