logo pd

PD: “In bocca al lupo ai membri della segreteria nella speranza che sappiano lavorare per l’unità”

11 novembre 2017

“Abbiamo partecipato al congresso con lo spirito che ci caratterizza da sempre. Con serietà, correttezza e lealtà.
Il congresso è finito e ci siamo messi a disposizione del nostro partito convinti che gli impegni presi dal segretario per raggiungere l’unità non fossero solo parole prive di valore.

Prendiamo atto dopo la riunione di direzione di ieri che invece è proprio così. Una segreteria di maggioranza e un presidente non condiviso sono state le prime proposte del neo segretario che ha tentato goffamente di mascherare una segreteria espressione esclusivamente di un gruppo per una segreteria di tutti. Il presidente, che dovrebbe essere organo di garanzia e quindi condiviso con tutti se non addirittura dato alla minoranza, è stato infatti oggetto della prima netta spaccatura del partito.

La cosa più grave però si è verificata proprio in sede di direzione. Il segretario ha negato la possibilità di discussione prima della votazione. “Se volete parlate dopo”. A nulla è servito spiegare a chi probabilmente da troppo poco tempo si occupa di politica che non è così che funziona in un partito che vuole ancora definirsi democratico.

Un inizio davvero poco incoraggiante per chi, come noi, sperava in un nuovo corso che ci vedrà solo tra qualche mese impegnati in due campagne elettorali importantissime. Siamo disponibili al dialogo e ad un tentativo di costruzione di un’unità del partito che passi per dei fatti concreti e non per le chiacchiere. Se, diversamente da quanto auspichiamo, non ci sarà una mediazione cercheremo di offrire comunque un’offerta politica alla città.

Facciamo un in bocca al lupo ai membri della segreteria nella speranza che sappiano lavorare per l’unità del partito”.

Comunicato da:
Mirko Mecozzi

Claudia Feuli

Dario Bertolo

Barbara La Rosa

Manuel Magliani

Piero Alessi

Martina Martelli

Paolo Bonelli

Nolberti Ester

Massimo Castellucci

Caterina Mecozzi

Nicola Porro

Silvia Piccinno

Rita Busato

 

Commenti

commenti