Lungarini, Di Gennaro e Iacomelli rispondono a Luciani

17 marzo 2013

I consiglieri della Lista Tidei, Fabrizio Lungarini, Marco Di Gennaro e Ivano Iacomelli rispondono al direttivo di SEL e a Enrico Luciani.

“Bene fa l’amico Luciani a raccomandare di evitare fughe in avanti, salvo che questo valga per tutti e ci si intenda sul significato del termine. Potrebbe, infatti, essere considerata una fuga in avanti anche la sua serie di “ No” recentemente espressa in merito ad alcune questioni (Hcs, acqua, contributo Enel, etc). Sembra anche contraddittorio affermare che bisogna decidere all’unanimità quando , poi, si pongono pregiudizialmente paletti al dibattito affermando risolutamente che, rispetto a certe situazioni, non si indietreggerà di un passo, quasi a rifiutare quella mediazione che è compito della politica trovare. SEL è un importante componente di questa maggioranza che deve governare insieme , nel rispetto dei ruoli, senza che ognuno cerchi una visibilità individuale mentre si dovrebbe essere uniti. In questa amministrazione non ci sono buoni o cattivi, non c’è chi sta dalla parte dei cittadini e dei lavoratori e chi , invece, li prevarica. Tutta la maggioranza, ed in primis il sindaco, si sta adoperando per mettere ordine dove c’ era il caos. Si potranno anche commettere errori, solo chi non fa, infatti, non sbaglia, ma onori ed oneri devono essere equamente distribuiti. In questo difficile tempo di ricostruzione bisogna porre l’interesse generale prima di una pur comprensibile ricerca di visibilità politica e partitica, ricercando prima di tutto il confronto interno ed evitando premature prese di posizione e differenziazioni la cui esternazione potrebbe essere interpretata come un fuga in avanti. Abbiamo la responsabilità di governare e dobbiamo per questo rinforzare ciò che ci unisce ed attenuare ciò che ci divide”.

Commenti

commenti