Ladispoli. Nardino D’Alessio: “Le 448 osservazioni al Prg vanno discusse”

3 Giu 2014

Dal Comune di Ladispoli, riceviamo e pubblichiamo.

“Ho chiesto la convocazione della commissione urbanistica per arrivare, una volta per tutte alla scelta dei criteri e della metodologia sull’ordine dei lavori per l’esame delle osservazioni al Prg. Sono 448 atti di cittadini che da 4 anni attendono di essere discussi dal Consiglio comunale”

A parlare è il presidente della commissione urbanistica Nardino D’Alessio che è tornato a ribadire come la mancata discussione delle osservazioni impedisca l’arrivo in aula consiliare del nuovo Piano regolatore generale che permetterebbe un riassetto del territorio comunale nel rispetto dell’ambiente e delle nuove esigenze demografiche.

“A distanza di quattro anni dalla adozione della Variante Generale al Piano regolatore generale – dice D’Alessio – avvenuta con deliberazione del Consiglio comunale con voto pressoché unanime – non è stato ancora possibile trasmettere il progetto alla Regione Lazio, organo deputato alla approvazione. Le motivazioni, come è stato ampiamente discusso varie volte nel corso della Commissione Urbanistica, risiedono principalmente nella carenza di risorse da prevedere negli appositi capitoli di spesa dove attingere le somme necessarie per il conferimento degli incarichi. E’ altresì necessario procedere all’esame e discussione delle osservazioni, che ad oggi ammontano a 448, presentate a seguito della pubblicazione della Variante Generale. Al fine di velocizzare l’esame e la discussione delle osservazioni è opportuno e necessario che queste vengano catalogate, scansionate, raggruppate e graficizzate su carta tecnica comunale. Una volta che il Consiglio comunale avrà approvato il bilancio preventivo entro il mese di giugno, la commissione urbanistica potrà iniziare il lavoro. Poi sarà la Regione Lazio a valutare la congruità del nuovo assetto urbanistico di Ladispoli”.

Commenti

commenti