Ladispoli. L’assessore Latini: “Mai più circhi senza nuove aree”

12 marzo 2013

Con la partenza  anticipata da Ladispoli del circo Orfei, decisa con un’ordinanza dal sindaco Paliotta, si è chiuso un capitolo particolarmente controverso che ha suscitato  le legittime perplessità dei cittadini che ricordavano come esista dal 1995 un  regolamento comunale che vieta gli spettacoli con animali. Possiamo assicurare  che da questo momento, fino a che non sarà individuato uno spazio idoneo ad  accogliere gli spettacoli viaggianti, a Ladispoli non saranno più ospitati i  circhi”.

A parlare è l’assessore  alla mobilità Pierlucio Latini che ha spiegato le importanti novità entrate in  vigore per la regolamentazione di tutti gli spettacoli in cui sono presenti  animali.

In collaborazione con  le associazioni degli animalisti – continua Latini – è stato redatto un nuovo  regolamento che, dopo i vari passaggi nelle commissioni consiliari, sarà portato  alla ratifica del Consiglio comunale. Peraltro è un testo molto simile a quello  adottato dalla Provincia di Roma. Sarà necessario aggiornare il regolamento  approvato nel 1995 alla luce delle nuove regolamentazioni sugli spettacoli  viaggianti, dato che sono state introdotte norme più ferree per garantire la  sicurezza degli animali ed un loro decoroso mantenimento. Purtroppo il Comune  con il regolamento del ’95 in questi anni si è trovato in difficoltà poiché nel  frattempo, in Italia, tante sentenze del Tar hanno dato ragione ai circhi  permettendo anche l’esibizione degli animali esotici. Ed è stato solo grazie  alla mediazione tra l’Amministrazione e i circhi che sono venuti nel nostro  territorio se siamo riusciti ad evitare queste esibizioni. Nel frattempo non  saranno concesse aree pubbliche per ospitare circhi e una volta ratificato il  nuovo regolamento comunale, in assenza di individuazione di nuove aree adatte ad  accogliere i circhi, nessuno spettacolo viaggiante con animali entrerà a  Ladispoli”.

Commenti

commenti