L’Agenzia delle Dogane blocca container con rifiuti

3 marzo 2013

Maxi sequestro di rifiuti all’interno del porto di Civitavecchia. Ad effettuarlo nella serata di giovedì l’Ufficio Antifrode delle Dogane di Civitavecchia, in collaborazione con l’Ufficio Intelligence. Il materiale è stato scovato all’interno di un container diretto in Pakistan e qui  gli Agenti hanno trovato avanzi di ghisa, ferro e acciaio per un totale di 26 tonnellate. In seguito ai controlli effettuati, la licenza di autorizzazione all’importazione è risultata falsa, mentre nel contratto lo spedizioniere e l’acquirente non era indicato il destinatario. Il sequestro è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria. Non è la prima volta che nel porto civitavecchiese vengono sequestrati container con prodotti non a norma e indirizzato a paesi in via di sviluppo, dove viene rivenduto a buon prezzo e riutilizzato. Ma i controlli attenti delle forze dell’Ordine e dell’Agenzia delle Dogane sono sempre molto alti sia in uscita che in entrata e spesso anche le cronache dei giornali illustrano operazioni importanti che stroncano traffici illeciti.

Commenti

commenti