Incidente a San Liborio, il decesso di Murru dovuto ad un arresto cardiaco

4 gennaio 2014

E’ stata effettuata lo scorso giovedì pomeriggio l’autopsia sul corpo di Fortunato Murru, il 60enne civitavecchiese deceduto lunedì scorso in seguito a un incidente stradale in via Archilde Izzi a San Liborio. L’esito dell’esame autoptico è stato immediato, perchè all’istituto di medicina legale di Roma si è andati a colpo sicuro su dove individuare la causa del decesso dell’uomo. Murru, infatti, aveva una nutrita cartella clinica che attestava la sua cardiopatia. Il medico legale, quindi, ha individuato in un arresto cardiaco la morte del 60enne. L’impatto tra la sua Fiat Panda e una Matiz, quindi, è stata solo una causa scatenante e non la causa diretta del decesso, anche perchè l’impatto è stato di lieve entità e non poteva giustificare da solo la morte dell’automobilista. Murru, inoltre, stando ai numerosi testimoni, dopo l’incidente è sceso dall’abitacolo e ha fatto in tempo a effettuare una telefonata ai figli prima di accasciarsi al suolo. Subito dopo l’autopsia, il magistrato titolare dell’inchiesta, il Pm Alessandro Gentile, ha dato il nulla osta per restituire la salma ai familiari. I funerali di Murru si celebreranno martedì prossimo alle 15.30 nella chiesa della Santissima Trinità al Faro.

Commenti

commenti