Il documentario “Slot, le intermittenti luci di Franco” premiato con il DER

22 marzo 2013

Sugli scudi “SLOT Le intermittenti luci di Franco”. Il progetto del regista romano Dario Albertini, interamente girato a Civitavecchia, ha già fatto parecchia strada: è stato infatti assegnato a il Premio D.E-R come “Miglior documentario Visioni Doc” alla 19° Edizione di Visioni Italiane, organizzato dalla Cineteca di Bologna.

Le Politiche Giovanili del Comune di Civitavecchia, riconoscendo a questa produzione, oltre al valore artistico-professionale, un elevato valore socio-educativo, proporranno la diffusione del documentario nelle scuole, attraverso un progetto dedicato, al fine di sensibilizzare i giovani rispetto ad un problema che rappresenta una vera e propria piaga del nostro secolo, una “malattia” sottovalutata ma profondamente radicata nell’odierno tessuto sociale e che non vede differenze tra adulti, minori, benestanti o meno abbienti.

Il premio assegnato al documentario prevede la diffusione a livello regionale del documentario attraverso la rassegna Estate Doc 2013 – www.estatedoc.it – organizzata da D.E-R (Documentaristi Emilia Romagna) in collaborazione con l’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Il documentario è stato selezionato anche per la dodicesima edizione dei RIFF Awards 2013, nella sezione Italian Documentary Competition.

Il RIFF (Rome Independent Film Festival) si svolgerà dal 4 all’11 aprile presso il Nuovo Cinema Aquila di Roma.

Prodotto da Cinzia Spano e Sulla Strada Film, il film affronta il delicato tema della ludopatia, meglio conosciuta come dipendenza da gioco compulsivo, un vizio che trascina alla rovina intere famiglie. Un viaggio senza filtri nell’oscuro e contorto meccanismo del gioco.

“In Slot non ho voluto cercare la cura, o indagare sulla liceità di questo fenomeno, ma raccontare una storia, o meglio parte di una storia vera, che in primo luogo ha colpito me” dichiara Dario Albertini.

Commenti

commenti