Il Codacons interviene di nuovo sulla Tia

11 marzo 2014

Dal Codacons di Civitavecchia riceviamo e pubblichiamo. “Il Codacons e i cittadini sono attesa di conoscere le intenzioni del Commissario Santoriello relativamente alla possibilità di restituzione della Tia straordinaria 2011 alla luce  della sentenza definitiva a favore di Ascom e Codacons che ha considerato illegittima tale tassa. Tuttavia la sentenza del TAR Lazio non è bastata a far desistere il Comune di Civitavecchia dal partorire ulteriori aborti giuridici, poichè i liquidatori Moscati e Iovino hanno determinato l’emissione di bollette per riscuotere una ennesima Tia straordinaria ma questa volta riferita all’anno 2009. il Codacons ha formalmente diffidato il Comune di Civitavecchia nella persona del Commissario Prefettizio dal procedere con la riscossione della Tia straordinaria 2009, in quanto il tributo risulta ampiamente prescritto. La diffida sarà anche inoltrata alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti, al fine di fare luce sulle motivazioni che determinano i buchi di bilancio che fanno salire smisuratamente i costi della raccolta dei rifiuti , richiedendo e reiterando tassazioni straordinarie ed inique per i contribuenti. Sul sito del CODACONS, sono disponibili on-line i moduli per preaderire a questa nuova battaglia contro il Comune recidivo ed opporsi al pagamento della Tia straordinaria 2009”.

Commenti

commenti