hcs

Hcs. Il PD risponde a Sarnella

8 marzo 2013

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento del Partito Democratico in merito all’interesse di acquisto di Hcs da parte di Giuseppe Sarnella

“Caro sig. Sarnella, intanto ricordiamo ancora che lei era quello che alla vigilia delle elezioni raccoglieva i curricula nello stabile del Settore Sviluppo del Comune, per i famigerati seimila posti di lavoro per il comparto termale e ancora non abbiamo visto un euro speso.

Smettiamola di cercare di provocare polveroni per attirare l’opinione pubblica, giocando anche sui posti di lavoro dei dipendenti di HCS. La situazione è seria e servono persone serie, competenti e che siano limpide nel mostrare le carte.

La sua lanciata, sembra essere più una strategia per allungare i tempi e tentare un “patteggiamento” per ottenere i lavori nel comparto termale; su questa questione è già stato ritenuto inattendibile dall’Amministrazione, in quanto non in grado di finanziare le “chiacchiere”.

Ora, noi per HCS stiamo cercando soluzioni che aprano una prospettiva di risanamento della situazione debitoria ereditata, che permettano il mantenimento del settore idrico pubblico, le tariffe a costi ragionevoli per i contribuenti, una città pulita, dei trasporti efficienti, meritocrazia e sorattutto

Salvaguardia dei posti di lavoro.

Questo presuppone che un’eventuale vendita totale o parziale della società sia rivolta ad acquirenti capaci e competenti nell’ambito della gestione dei servizi.

Signor Sarnella, acqua e chiacchiere non fanno frittelle”.

Commenti

commenti