sequestro ricci

Maxi operazione di Natale, 6.000 ricci sequestrati dalla Guardia Costiera

23 dicembre 2016

Nel corso della notte appena trascorsa, è andata a segno la più importante operazione del 2016 nel contrasto alla pesca di frodo dei ricci di mare da parte della Capitaneria di porto di Civitavecchia
Il personale della Guardia Costiera, sulla base di attività di intelligence che deponeva, negli ultimi giorni, per movimenti sospetti nella zona de “Le Saline” di Tarquinia, ha messo in atto una mirata azione con una serie di appostamenti per cogliere sul fatto i pescatori abusivi. Sei di loro (un vero e proprio gruppo organizzato) sono così finiti nella rete della Capitaneria: in 4 si erano suddivisi lo specchio acqueo per razziare quanti più echinodermi, ed altri due si erano nascosti a breve distanza con il preciso compito di fungere da “palo” all’illecita attività in corso.
Con circospezione e giungendo da più punti, la pattuglia della Guardia Costiera ha bloccato contemporaneamente tutti i soggetti, con il supporto anche dei Carabinieri di Tarquinia e, trattandosi di un’area di particolare tutela ambientale, anche del Corpo Forestale dello Stato.
Il risultato dell’operazione ha permesso di contare 6.000 ricci sequestrati, e prontamente rigettati in mare per favorire il ripopolamento dell’ecosistema marino, oltre alla confisca di tutte le attrezzature utilizzate per l’abusivo esercizio di pesca.
Il complesso delle 4 sanzioni elevate in violazione della normativa ha raggiunto la cifra di 16.000 € a carico dei contravventori, che dovranno così rinunciare al criminale intento di smerciare il prezioso carico nel periodo natalizio, tradizionalmente molto remunerativo.
Si ricorda, ancora una volta, che i ricci di mare possono essere pescati, in attività sportiva, in misura di 50 esemplari a persona, in apnea, in orari diurni e senza l’ausilio di autorespiratori.

 

Commenti

commenti