comunenuovosito

Fazzone, stoccate a Grasso e Monti

15 febbraio 2014

Nuovo intervento a Civitavecchia di Claudio Fazzone. Nel primo pomeriggio di giovedì il coordinatore regionale di Forza Italia ha riunito intorno ad un tavolo di un noto ristorante cittadino alcuni esponenti di spicco del centrodestra locale. Si è parlato anche del candidato a sindaco, che Fazzone si augura possa essere dell’intera coalizione. Al termine della riunione il senatore ha rilasciato al Trcgiornale delle dichiarazioni, in cui, senza mai citarlo, ha anche lanciato delle stoccate a Massimiliano Grasso, il responsabile della comunicazione dell’Autorità Portuale che ieri ha presentato La Svolta, l’associazione da lui presieduta, invitandolo a rispettare i partiti e dichiarando che il candidato a sindaco di Civitavecchia non sarà imposto da Roma. Non solo. Da Fazzone è arrivato anche un messaggio forte al presidente dell’Autorità Portuale Pasqualino Monti. “C’è un enorme passo in avanti – afferma Fazzone – perché oggi ho incontrato persone che militano in Forza Italia che per la prima sono state riunite per poter iniziare a decidere un percorso immediato che dovrà portare al coinvolgimento anche di altri amici che oggi non erano qui perché abbiamo preferito fare riunioni separate per evitare grande confusione. C’è un’unità di intenti nel voler riportare a Civitavecchia Forza Italia come punto di riferimento, evitando che qualcuno utilizzi il partito per andare da altre parti. Un punto di riferimento per la classe dirigente che vuole lavorare nell’interesse esclusivo della città e dei cittadini. Il candidato a sindaco non sarà imposto, come dice qualcuno – dichiara il coordinatore regionale di Forza Italia – non ci sono indicazioni che arrivano da Roma. Come rispetto le candidature di persone attraverso associazioni, loro devono rispettare le forze politiche che tutti i giorni ci mettono la faccia. Non possono dire che la politica decide al posto degli altri, perché gli unici che decidono sono i cittadini. Mi auguro che la candidatura sia di coalizione – sottolinea Fazzone – entro dieci giorni Forza Italia farà il suo nome. I tempi sono importantissimi , ma non ci devono portare a prendere decisione affrettate. Massimo dieci giorni per il candidato a sindaco per poi confrontarci con altri candidati e poi vedere chi ha il candidato migliore e chiudere l’accordo politico”. I nomi che sono circolati non riguardano la mia persona, ho qualche segnalazione, ma chi influenzerà la mia scelta sarà solo ciò che decideranno i rappresentanti di Forza Italia di questa città”. Fazzone è tornato poi sul concetto del candidato a sindaco lontano dai poteri forti. “In questa città – afferma Fazzone – ci sono istituzioni pubbliche e private importanti e noi vogliamo che funzionino sempre al meglio, siano sempre più integrate e ci sia uno stesso percorso con l’amministrazione comunale. La politica deve prescindere da queste istituzioni. Ad esempio non posso indicare un tecnico alla guida dell’Autorità Portuale, che poi si trasforma in un politico che vuole decidere anche le sorti della città. È una cosa che non si capirerebbe, che non deve avvenire. Credo che il presidente debba fare bene il suo lavoro, come sta facendo. È un esempio, come l’Enel deve partecipare per quelli che sono i benefici che deve contribuire a dare al territorio. La politica la devono fare partiti, movimenti e associazioni, non persone che utilizzano il ruolo che hanno ricevuto dalla politica per distruggere la politica o per difendere posizioni acquisite. Ci tengo a precisare che non ce l’ho con nessuno, anzi, ho contribuito fortemente alla nomina dell’attuale presidente dell’Autorità Portuale, che rispetto, perché sta lavorando bene, ma deve fare l’operatore del porto, non deve fare altro, questa è la mia indicazione ma non credo che faccia altro”.

Commenti

commenti