Emergenza rifiuti, l’ex sindaco Tidei difende la sua amministrazione

8 febbraio 2014

All’annuncio di una sempre più possibile emergenza rifiuti e di responsabilità della precedente amministrazione, risponde in una lettera al Commissario Santoriello, l’ex sindaco Pietro Tidei. “Ho avuto modo di leggere sulla stampa notizie relative all’emergenza rifiuti a Civitavecchia nelle quali si adombrerebbero non meglio precisate responsabilità della precedente Amministrazione. Al riguardo mi corre l’obbligo di fornirLe informazioni utili allo scopo di risolvere un problema che rischia di assumere drammatiche dimensioni se non interviene con tempestività. All’indomani della pubblicazione del decreto il sottoscritto insieme all’Assessore competente convocammo il titolare della MAD (gestrice della discarica) per adempiere tempestivamente al decreto di cui trattasi. Il titolare si impegnò a predisporre in tempi brevi un progetto di pre-trasttamento dei rifiuti per metterci in regola con la recente normativa. Il progetto da quanto mi risulta è stato redatto e presentato alla Regione per la definitiva approvazione. Occorrerebbe a questo punto un Suo autorevole intervento (nel caso in cui non lo avesse ancora fatto) sull’Assessorato competente Regionale (Ass. Civita) affinchè il progetto riceva la sua definitiva approvazione. Nel frattempo al fine di uscire dall’emergenza nella quale già siamo, mi permetterei di segnalarLe la possibilità di conferire in una qualsiasi discarica già autorizzata rifiuto tal quale ricevendo in cambio rifiuto trattato da conferire nella discarica di Civitavecchia. Questo consentirebbe un notevole risparmio per l’Amministrazione Comunale in questi 5/6 mesi necessari alla realizzazione dell’impianto di trattamento di cui trattasi, essendo la nostra discarica sufficientemente capiente per ricevere rifiuti per molti anni a venire. Soprattutto se si avvia tempestivamente la raccolta differenziata per la quale la Regione Lazio e la Provincia di Roma hanno provveduto ad accantonare la somma di 2 milioni di euro per il Comune di Civitavecchia, che rischia di perdere se non si interviene con urgenza. Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti qualora lo ritenga opportuno”.

Commenti

commenti