Ecologia all’ IIS Viale Adige “Dalla teoria alla pratica”

5 febbraio 2014

A tutto campo l’intervento dell’ IIS Viale Adige indirizzo Turistico e Alberghiero per l’educazione al rispetto dell’ambiente. Nell’ambito del progetto Ambiente e territorio coordinato dalla Vicepreside professoressa Alessandroni  continua infatti il ciclo di conferenze organizzato con l’Associazione Scuolambiente. Questa volta si è parlato dei mutamenti climatici e delle conseguenze sulla fauna e sulla flora marina. Nell’Auditorium dell’IIS Viale Adige un folto gruppo di studenti e docenti hanno potuto ascoltare la conferenza del Biologo Daniele Segnini. “E’ andata molto bene” commenta la professoressa Alessandroni, “La conferenza era stata preceduta da un serio lavoro in classe, dove stiamo operando attraverso la peer education, i ragazzi di terza fanno da tutor ai ragazzi di seconda,  cosi i ragazzi erano preparati e hanno potuto seguire e porre domande assolutamente pertinenti. Insomma, alla fine la conferenza si è conclusa con un dialogo davvero partecipato e costruttivo”. Ma non finisce qui, in collaborazione con i rappresentanti di Istituto si è avviata la settimana ecologica. “Si tratta in sostanza di pulire gli spazi esterni della scuola. E’ una iniziativa che ha lo scopo di rendere i ragazzi più sensibili e consapevoli. Quando diventi protagonista e sei responsabilizzato aumenta il desiderio collaborare per mantenere in ordine i nostri spazi” spiegano Priscilla e Martina, rappresentanti di Istituto.  “Tutte le classi, a rotazione, partecipano  volentieri e nonostante il cattivo tempo, che certamente non ci ha aiutato, tutta sta procedendo nel migliore dei modi”conclude Stefano, anche lui rappresentante di Istituto “Siamo convinti che la migliore educazione avvenga  stabilendo una collaborazione con i nostri studenti, facendoli sentire attori e partecipi della vita della scuola. Crediamo che sia  importante che l’educazione ambientale non passi attraverso un insegnamento ex cathreda ma che sia una attività partecipata e condivisa” conclude la professoressa Alessandroni.

Commenti

commenti