marcia

Domani i cittadini in marcia per la salute

21 Gennaio 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Appuntamento alle 9,00 sotto la sede dell’Autorità portuale. Partenza prevista per le 10 da Molo Vespucci, destinazione Palazzo del Pincio.
Il corteo partirà da Molo Vespucci per arrivare sotto Palazzo del Pincio. Una manifestazione importante, che vuole essere un momento di rilessione su un tema, quello dell’inquinamento, particolarmente sentito anche alla luce dell’ennesimo bollettino di guerra in fatto di decessi. Una marcia apolitica, come hanno tenuto a precisare gli organizzatori; tante associazioni hanno già aderito, come anche gli studenti delle scuole medie superiori ma anche diversi partiti politici hanno invitato i propri simpatizzanti ad accorrere in massa. Abbiamo elencato una serie di
criticità, sono circa 15. Nascono da domande che ci poniamo, che vogliamo porre e su cui vogliamo delle risposte. Ad esempio che fine ha fatto il Registro Tumori? Che ine ha fatto l’allarme sulla mortalità? E il piano del traffico? Sul Centro Chimico è calato il silenzio dopo una serie di allarmi. Vi ricordate l’Italcementi e la bomba ecologica dell’amianto? Abbiamo poi ricevuto delle segnalazioni sulla situazione del mare nei pressi della centrale di Torrevaldaliga Nord e ci è stato riferito che è tutto desertificato. “Ci farebbe molto piacere se marciasse con noi anche il sindaco”, dichiara Pierluigi Gorla. L’importante, sottolineano i promotori dell’iniziativa, è capire che la salute è di tutti, non ha colore politico, e che il nemico non è l’Enel, ma l’inquinamento, quello prodotto dalle centrali, dal porto e dal traffico”. Resta da capire se i componenti dell’attuale maggioranza scenderanno in piazza per una nobile causa. Appuntamento alle 9,00 sotto la sede dell’Autorità portuale.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •