hcs

Domani consiglio comunale su Hcs

26 marzo 2013

Consiglio comunale crocevia di decisioni importanti. Domani mattina, con convocazione alle ore 9 e inizio lavori entro le ore 10, l’assemblea dell’aula “Pucci” affronterà il tema della delibera sulla messa in liquidazione della Hcs spa. Una decisione che era stata presa la scorsa estate  dalla giunta ma che il Tar del Lazio, su ricorso presentato dal consigliere Moscherini, ha spedito di fatto all’attenzione del consiglio. Di qui la seduta odierna, attesa soprattutto alla luce dell’annuncio della scorsa settimana da parte del sindaco Tidei di voler azzerare la giunta. Annuncio arrivato anche e soprattutto per la tempesta in atto sulla Holding. Ovviamente l’attenzione sarà focalizzata soprattutto sulla tenuta dei rapporti tra Sel da una parte e Pd e resto della maggioranza dall’altra. Potrebbe insomma essere uno spartiacque interessante per vedere che tipo di strada percorrerà, anche se il lavoro portato avanti nei giorni scorsi dalle diplomazie dei due partiti dovrebbe aver calmato le acque, almeno fino a prova contraria. Staremo a vedere. Fatto sta che l’opposizione promette battaglia. “Appare chiaro il tentativo di far passare sotto silenzio un atto grave – spiega il consigliere Dimitri Vitali – che meriterebbe ben altro approfondimento e dibattito. Un atto sul quale le forze politiche e sindacali si dovrebbe esprimere con forza e chiarezza di posizione, così come i lavoratori di Hcs, accusati nei giorni scorsi di ogni nefandezza, dovrebbero dire qual è la loro posizione. Ai consiglieri comunali di opposizione continuano ad essere negati gli elementi per decidere sulla vicenda. Torniamo a chiedere di poter avere le due diligence dello studio Toniolo e della società Deloitte, e tutti gli atti sul conferimento delle consulenze. Abbiamo constato positivamente che anche Cinque Stelle inizia a dubitare delle veridicità di tale consulenze. Qualora vengano ulteriormente violati i nostri diritti di consiglieri comunali, non esiteremo a impugnare gli atti presentando ricorso al Tar”.

Commenti

commenti