Cts Onlus: “Il parco dell’Uliveto sia accessibile a tutti”

25 luglio 2014

L’associazione Cittadini Territorio Sanità ONLUS, si rivolgerà all’Enel, Porto, Fondazione Cassa Di Risparmio di Civitavecchia, sottoponendo loro il progetto per rendere il parco Uliveto accessibile e inclusivo a tutti i bambini compresi i disabili.

“L’associazione Cittadini Territorio Sanità ONLUS, nella persona del suo presidente Ianniello Carmine, porta a conoscenza tutti i cittadini di Civitavecchia che, già dai prossimi giorni lo stesso Ianniello prenderà i contatti con l’Enel, Porto, Fondazione Cassa Di Risparmio di Civitavecchia al fine di sottoporgli il progetto per rendere il parco Uliveto accessibile ed inclusivo a tutti i bambini, come previsto dall’Art.31 comma 1 della Convenzione sui diritti dell’infanzia e adolescenza. Tale decisione si è resa necessaria, in quanto da parte dell’amministrazione Comunale, nonostante i ripetuti solleciti e continue richieste tra cui la predetta, protocollata al comune in data 14/07/2014 da parte della stessa Amministrazione non vi è stata nessun tipo di risposta ne su questa e ne su altre richieste inviate mediante posta certificata. L’Amministrazione risulta essere latitante  e non interessata  alle problematiche del sociale e dei disabili e loro diritti sanciti. Scopo dell’Associazione è contribuire a un cambiamento nella società, necessario ed urgente, a livello locale e globale, al fine di arrivare ad una società più giusta e meno alienata. Le istituzioni a tutti i livelli dovrebbero, innanzi tutto ascoltare sia i cittadini che le associazioni dovrebbero collaborare con le stesse associazioni, in quanto il lavoro delle associazioni è svolto a titolo gratuito e per il bene dei cittadini e della città. Nel comune di Civitavecchia tutto ciò non esiste, Civitavecchia alla stato di fatto risulta essere una città lager, le istituzioni assenti e per niente interessate al bene ne della Città e ne dei stessi cittadini. Tutte le amministrazioni Comunali hanno da sempre diviso Civitavecchia in due: una è Civitavecchia città , l’altra è Civitavecchia Porto come se fossero due cose distinte , mentre il porto è parte integrante a tutti gli effetti di Civitavecchia , e a giudizio della stessa Associazione è indispensabile unire le sinergie sia della Città che del porto, in particolar modo oggi che stiamo attraversando una forte e pesante crisi. In questi giorni si sente parlare di città metropolitana, a giudizio dello stesso Ianniello Carmine, tale circostanza contribuirebbe alla crescita di Civitavecchia, ma al tempo stesso credo che sia indispensabile prima di tutto rendere la stessa Civitavecchia accessibile a tutti e vivibile da tutti sotto ogni profilo. Poi si può valutare ogni altro tipo di miglioramento e crescita. È come dire “produco prima le macchine e poi penso alle strade”. In realtà le due cose vanno di pari passo ma sempre un attimo prima le strade, cosa ce ne facciamo delle macchine se non abbiamo le strade? Cosa ce ne facciamo della città metropolitana se non siamo una città accessibile e vivibile da tutti?  È per questo motivo che l’Associazione Cittadini Territorio Sanità ONLUS si rivolgerà come detto all’Enel, al Porto, alla Fondazione Cassa Di Risparmio Di Civitavecchia, al fine di reperire fondi per realizzare il progetto del  parco Uliveto accessibile e fruibile da tutti. Sarebbe un ottimo inizio verso quel cambiamento di cui si parlava. E al tempo stesso sarà una ottima occasione per poter valutare una maggiore e fattiva  collaborazione, in quanto sono certo che troverò interlocutori più attenti e sensibili alle problematiche del sociale e del territorio, a prescindere. Concludo nel ribadire quanto più volte dichiarato e cioè che lo stesso Ianniello Carmine che l’Associazione tutta si rende disponibile verso tutti Istituzioni comprese a voler fattivamente e concretamente collaborare al miglioramento della città per tutto ciò che riguarda problematiche sociali e disabili”.

Commenti

commenti