Concordia. Tortosa (PSI): “La demolizione a Civitavecchia non è uno scippo a Piombino”

23 marzo 2013

Nuovo intervento del consigliere regionale del PSI Tortosa sulla questione dello smantellamento della Costa Concordia.

“Trasferire la Costa Concordia a Civitavecchia non significa “scippare” Piombino, ma risponde piuttosto a criteri di opportunità in termini di riduzione di costi e di impatto ambientale. Trasformare questa opportunità in acre contesa politica diventerebbe incomprensibile agli occhi dei cittadini. Come socialisti, insieme all’Assessore Balloni di Civitavecchia, la scorsa settimana, avevamo detto che ci saremmo battuti in Consiglio Regionale, in favore del porto Laziale, in virtù delle sue infrastrutture e del suo fondale adatti allo smantellamento, a differenza di quelli del porto di Piombino il cui bacino deve essere sottoposto a lavori di adeguamento. In questo modo la Costa

Crociere, la società armatrice cui spetta l’onere del trasporto, potrebbe procedere da subito a liberare l’Isola del Giglio dal relitto, senza aspettare ulteriori lungaggini. Affiancheremo quindi Zingaretti affinché presenti al più presto un Piano regionale di smaltimento, già in parte predisposto dall’Autorità Portuale di Civitavecchia”.

Commenti

commenti