Concordia. Sarnella: “La scelta di Piombino è sbagliata”

14 marzo 2013

“La volontà del Governo di voler smantellare il relitto del Concordia nel porto di Piombino è sbagliata, il porto più adatto per questa operazione, che appare imponente e delicata, è quello di Civitavecchia. Non possiamo continuare ad avvantaggiare la Toscana, anche perchè i disagi subiti dalla tragedia del Concordia li ha subiti, e pesantemente, anche Civitavecchia e le coste dell’alto Lazio.  Al cospetto della Toscana non siamo una regione di serie B. Sottoscrivo e appoggio in toto le motivazioni addotte dal sindaco di Civitavecchia Pietro Tidei e confermo anche io la mia più totale contrarietà alla scelta del porto Toscano”, lo afferma in una nota Giuseppe Sarnella, Presidente di Confapi Turismo Lazio. “Siamo di fronte ad un atteggiamento da parte del Governo che penalizza Civitavecchia e i suoi cittadini – aggiunge Sarnella – è sotto gli occhi di tutti come il porto di Piombino non sia in grado di ospitare un’operazione del genere: il fondo di appena 4 metri contro i 15 necessari, un canale che non esiste e bacino e piattaforma assolutamente inadeguati. Non si può fare, è inutile che dalla Toscana facciano tante storie. Si scelga Civitavecchia e si faccia la scelta più giusta e saggia”.

Commenti

commenti