marittimi, porto

Natale e le feste: un momento “triste” per i marittimi (Rubrica a cura di Francesco Montano)

22 dicembre 2016

Arriva il Natale…. per i marittimi poco o niente cambia, se so è fuori casa, ben poco cosa vale vedere gli addobbi, le lucine natalizie, aria di festa ovunque, regali, ma non per noi, una categoria di lavoratori atipici, si lavora, ed anche tanto, il 24 il 25 il 31 il primo giorno dell’anno…Di sicuro non mancheranno i giorni di meteo avversi, non mancherà il poco tempo disponibile, ci sarà giusto il tempo per chiamare i familiari, ed ecco che il Natale, la festa più bella dell’anno, sarà tramutato in una semplice telefonata, se hai bimbi piccoli non puoi neanche improvvisarti “babbo natale”, non puoi seguire le recite scolastiche, i bimbi più grandicelli non ti possono leggere la letterina, non si riceve il dono sotto l’albero, non si condivide con i propri cari l’atmosfera di quel giorno tanto atteso per 365 giorni, non ci sarà il decantato menù Natalizio,ma solo un pasto normale con piccole eccezioni, “forse” ci sarà un panettone (rigorosamente non di marca),anche se va detto che molti armatori non lo inviano nemmeno per gli equipaggi…il tutto condito con un atmosfera triste…questo il Natale dei marittimi, non esiste un cambio programmato, se si imbarca entro i primi di dicembre, torni a casa fine gennaio, mentre chi lavora fuori dalle rotte nazionali, forse torna per Pasqua…. Cosa dire di più? Solo la classica frase….Auguri per un sereno Buon Natale con un prospero Anno Nuovo  per tutti coloro che leggeranno questo piccolo trafiletto!

 

Commenti

commenti