Cerveteri. Tutte le informazioni sulla IUC

10 Giu 2014
“Anche quest’anno il sistema dei tributi locali è stato nuovamente stravolto, ed è normale che i cittadini siano disorientati. Proverò allora a dare alcune indicazioni generali, utili per tutti”. A parlare è Giuseppe Zito, Vicesindaco e Assessore a opere pubbliche e bilancio del Comune di Cerveteri.
“Da quest’anno – ha spiegato Zito – è stata introdotta la IUC, imposta unica Comunale che riunisce sotto un unico nome diverse componenti. La prima componente è l’IMU, una imposta di natura patrimoniale dovuta dai possessori di immobili ad eccezione delle abitazioni principali; l’altra componente è riferita ai servizi, e a sua volta si articola in TASI e TARI. La TASI è relativa ai servizi indivisibili dei Comuni (Pubblica Illuminazione, Manutenzioni, Polizia Locale, ecc…) ed è a carico sia del possessore che dell’utilizzatore. TARI invece è relativa al finanziamento dei costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è a carico dell’utilizzatore”.
“Il Comune di Cerveteri ha deliberato le aliquote TASI ed IMU entro i tempi stabiliti dalla Legge – ha spiegato Zito – quindi le scadenze per il pagamento del tributo sono il 16 Giugno per l’acconto, e il 16 Dicembre per il saldo. Per la TARI, le tariffe e le scadenze non sono state ancora fissate dal Consiglio Comunale, ma i cittadini riceveranno a casa gli avvisi di pagamento. Per la TASI e per l’IMU, invece, il sistema di riscossione previsto dalla legge prevede che sia il contribuente a provvedere al versamento del tributo. Se da una parte il momento di fare i calcoli di quanto dovuto sta mettendo in difficoltà molti cittadini, dall’altra parte c’è da dire che poiché il sistema consente di pagare un acconto, quello appunto dovuto entro il 16 Giugno, e il saldo entro il 16 dicembre. Perciò se anche ci si dovesse sbagliare a calcolare l’importo dovuto sull’acconto si può sempre recuperare al momento del saldo”.
“Il consiglio che diamo ai cittadini è quello di farsi assistere nel calcolo dal personale dell’Ufficio Tributi del nostro Comune, aperto tutte le mattine dalle 9 alle 12 e nei pomeriggi di martedì e giovedì anche dalle 15,30 alle 17,30, oppure da un centro di assistenza fiscale, commercialista o caf. Ricordo inoltre che sul sito internet del Comune c’è lo strumento per il calcolare quanto dovuto, si possono inoltre trovare informazioni approfondite sulle aliquote, scadenze e stampare il modello F24 (ww.comune.cerveteri.rm.it.)”
“Vorrei concludere tranquillizzando i cittadini sul fatto che l’Ufficio Tributi – ha detto Zito – d a cui va il mio sentito ringraziamento per il lavoro enorme che sta effettuando in queste ore, non ha mai avuto una condotta vessatoria nei confronti dei contribuenti ed è perfettamente consapevole delle difficoltà riscontrate dalla cittadinanza. Sono certo che il personale dell’Ufficio saprà guidare a aiutare i cittadini ad affrontare qualsiasi dubbio o difficoltà”.
 
Alcune informazioni generali:
I possessori dell’abitazione principale, escluse A1, A8 e A9, sono tenuti entro il 16 Giugno al pagamento della sola TASI.
La TASI, nel caso l’immobile sia locato a canone libero, sarà ripartita per il 70% a carico del proprietario e per il 30% a carico dell’utilizzatore.
Nel caso invece l’immobile sia locato a canone concordato sia il proprietario che l’utilizzatore sono esonerati dal pagamento della TASI. Per il proprietario resterà da pagare sull’immobile locato a canone concordato l’IMU ad aliquota ridotta al 4,60 per mille.
Nel caso invece l’immobile sia locato a canone libero il proprietario sarà tenuto al pagamento dell’IMU con aliquota al 8,10 per mille.
Nel caso di immobili concessi in uso gratuito dal genitore al figlio o viceversa, proprietario ed utilizzatore saranno tenuti al pagamento della TASI, che può avvenire anche da un unico soggetto. Inoltre il proprietario sarà tenuto al pagamento dell’IMU ad un’aliquota dell’8,10 per mille ma effettuando il calcolo con una franchigia di 500 euro sulla rendita.
I possessori di immobili diversi dall’abitazione principale, non locati e non dati in concessione d’uso gratuito, quindi a disposizione del proprietario sono soggetti al pagamento dell’IMU ad aliquota del 10,60 per mille e della TASI ad aliquota 0,80 per mille.

Commenti

commenti