Ceccarelli, Direttivo PD: “nessun ritorno per Guerrini, lo Statuto parla chiaro”

11 febbraio 2014

Da Chiara Ceccarelli del direttivo del Pd riceviamo e pubblichiamo. “Se c’è qualcosa di veramente vecchio è voler passare per qualcosa che non si è. Sport in cui il Dott. Guerrini si diletta da tempo. Da anni ci somministra la solita minestra del rottamatore, facendo finta di non ricordare che ha più di 60 anni, che è stato consigliere per tre consigliature ed è stato candidato al Consiglio Provinciale di Roma anche se non è stato eletto, avendo ottenuto uno dei risultati peggiori dei candidati del PD in provincia di Roma. Evoca oligarchie e poteri oscuri che avrebbero impedito la sua folgorante carriera politica per non dover ammettere che, a parte le richieste di presidenze, assessorati, deleghe pesanti, non vi sono iniziative o proposte che portino la sua firma. Un uomo pieno di se è politicamente poco consistente. Nei 5 anni di opposizione alla Giunta Moscherini è stato, a voler essere buoni, silente. Ci risparmi la solfa sulla democrazia interna al PD e dica a tutti che non aveva le firme sufficienti a poter sottoscrivere la sua candidatura alle primarie, nonostante le 250 tessere portate tutte insieme l’ultimo giorno prima delle primarie nazionali. Lui che parla di tesseramento anomalo. Nessuno ha impedito a Guerrini di presentare la sua candidatura, nonostante avesse più volte affermato di voler sostenere il PD solo in caso di sua vittoria alle primarie. Come a dire: se perdo, mi porto via il pallone e non gioco più. Poteva rimanere dentro e fare la sua battaglia invece di accusare gli altri. Ogni partito ha le sue regole e qualcuno che si candida a guidare una coalizione avversa al PD è automaticamente fuori. Lasci stare i casaccari. Tutti ricordano che nel 2012 la moglie stava per candidarsi a guidare la coalizione di centrodestra perché aveva ricevuto un’offerta lusinghiera dall’ex Governatrice Polverini. Ognuno trova la propria casa e Guerrini l’ha trovata in SEL. Siamo sicuri che Luciani e i suoi lo stavano aspettando da anni e ora che è fuori da un partito oligarchico potrà dimostrare a tutti le sue doti politiche e la sua enorme competenza amministrativa. Siamo certi che non lo fermerà più nessuno”.

Commenti

commenti