civitavecchia-1920

Calcio. Operazione Riscatto per la Vecchia

17 settembre 2016

Dopo la sconfitta “casalinga” con la Valle del Tevere, il Civitavecchia ha bisogno di riprendersi.
Domenica alle 11 i nerazzurri faranno visita al Real Monterotondo Scalo, formazione che sulla carta non dovrebbe rappresentare un ostacolo insormontabile per Luciani e compagni. In casa Civitavecchia il morale non è al massimo per la brutta prestazione di domenica scorsa e si vuole fare qualcosa per invertire la rotta, anche perché l’Atletico Fiumicino appare sempre più un rullo compressore. In settimana la squadra ha cambiato fisionomia con gli
arrivi di Gravina e Filangeri. Percorso inverso, invece, per Scibilia e Palermo, che sono stati tagliati dalla società, in particolar modo per la solita questione degli under, che costringerà qualcuno degli over a fare panchina molto spesso. La sconfitta contro la Valle del Tevere si è fatta sentire così tanto che la società ha deciso di fare
un comunicato in cui, attraverso le statistiche, ha ricordato tutte le cose buone fatta da mister Gianluigi Staffa da quando si è seduto sulla panchina del Civitavecchia.
E’ ingeneroso gettare la croce sul tecnico, che l’anno scorso ha fatto un grande campionato conducendo la squadra ad una salvezza tranquilla, dopo aver passato le pene dell’inferno nella prima parte del campionato. Per quanto riguarda la sfida di Monterotondo i nerazzurri dovranno fare a meno del classe ’98 Treccarichi, che è stato squalificato dopo l’espulsione rimediata contro la Valle del Tevere.
C’è attesa per capire se dopo il ko il tecnico Staffa deciderà di rivedere qualcosa, sia tatticamente che per
quanto concerne gli uomini in campo.
La squadra è tornata a svolgere pienamente gli allenamenti allo stadio Fattori, che tornerà ad essere la casa di Luciani e compagni, che nonostante l’assenza forzata per i noti problemi, avevano ricevuto un grandissimo sostengo dagli amanti dei colori nerazzurri nel match andato in scena all’Enrico Galli di Cerveteri.
Per rivedere il Civitavecchia nella sua casa bisognerà attendere ancora sette giorni, quando l’undici di mister Staffa
riceverà all’impianto di via Bandiera la Sabina nella quarta giornata del campionato di Eccellenza girone A. Tornando all’avversario di domani, il Real Monterotondo ha un morale simile a quello del Civitavecchia, arriva dalla brutta sconfitta di mercoledì scorso in Coppa Italia, manifestazione dove praticamente è stato eliminato
solo dopo 90 minuti. Fino ad ora gli eretini hanno rimediato una vittoria ed una sconfitta, quindi sono a pari
merito con il Civitavecchia. Si tratta sicuramente di una formazione che può essere ideale per tornare alla vittoria e scacciare via le critiche giunte in settimana dalla tifoseria. E’ vero che la prestazione contro la Valle del Tevere è stata tutto tranne che buona, ma giudicare la squadra solo per 90 minuti non andati al massimo è decisamente
prematuro. Bisogna concedere alla formazione nerazzurra almeno tutto il mese di settembre prima di lanciarsi in
giudizi che potrebbero essere smentiti dal campo, che la fa sempre da padrone.
Per quanto riguarda la formazione, come detto, non ci sarà Treccarichi, mentre tutto il resto del gruppo sembra essere a disposizione, quindi Staffa dovrà fare delle scelte obbligate.

 

Commenti

commenti