cpc 2005

Calcio. Il Tor Sapienza batte la CPC2005 ma a fine gara ne fa le spese Vincenzi colpito alla testa da una bottiglietta

12 febbraio 2017

Match convulso deciso da episodi e con un arbitraggio altamente insufficiente. A fine gara la tifoseria del Tor Sapienza inveisce contro i giocatori della CPC2005 dalla tribuna, e con un fitto lancio di oggetti dagli spalti, vista la natura dell’impianto a pochi metri dagli stessi, colpisce Vincenzi alla testa con una bottiglietta mentre tentava di rifugiarsi negli spogliatoi.
22a giornata Eccellenza Girone A
Tor Sapienza 2 vs CPC2005 1
Marcatori: Elisei 41pt (CPC2005); 9st Mereu e Scardini 21st (TS)
Note: 41st Camilli (TS) fallisce un calcio di rigore

Tor Sapienza Trinchera Di Mauro (9st Mereu) Fiore Graziani Mele Sanori Cannizzo Minelli Camilli (42st Zocchi) Scardini (52st Nargiso) Ruggiero DISP Bergantino Marchini Della Porta  Terziani ALLENATORE Di Loreto
CPC2005 Superchi Giovani Di Marco Bevilacqua (45st Poggi)  Parla Caforio Franceschi (13st Oliviero) Blasi Elisei Ruggiero Di Gennaro (30st Loiseaux) DISP Chessa Vincenzi Giambi De Felici  ALLENATORE M. Castagnari

ARBITRO Di Biasio
Ammoniti: Fiore Minelli e Mele (TS); Di Gennaro Parla Oliviero Caforio Bevilacqua Elisei (CPC2005)
Espulsioni: Graziani (TS)

Dopo un match di difficile affiliazione con il gioco che ha ristagnato a lungo a centrocampo ha la meglio il Tor Sapienza, che dopo esser passato in svantaggio sul finire della prima frazione ad opera di Elisei, nella ripresa ribalta il risultato portando a casa i tre punti. Sotto il profilo tattico forse una delle migliori compagini affrontate fino ad ora dalla CPC2005, seppur risalti l’aiuto grossolano di Superchi in occasione del raddoppio e un arbitraggio altamente insufficiente, capace di destabilizzare una gara corretta e giocata sportivamente.
La CPC2005 non riesce a decollare benché giochi la sua partita diligentemente, e riesca nella maggior parte dei casi  ad arginare gli avversari, perdendo visto i risultati delle pretendenti alla salvezza la ghiotta occasione di uscire dalla penultima posizione.
MATCH: La CPC2005 inizia la gara confermando Superchi tra i pali e rispetto all’Eretumn sostituendo l’infortunato Sacripanti con Franceschi. La gara nei primi minuti sarà di prevalenza rosso portuale, e con almeno un paio d’occasioni capitate a Ruggiero e Elisei vanificate all’ultimo istante. Il Tor Sapienza  senza niente di trascendentale sposterà poi il suo baricentro in avanti non prendendo mai la prevalenza del centrocampo, che gli frutterà almeno un paio d’occasioni con Scardini terminate entrambe alte sulla traversa. La più ghiotta gli capiterà dopo un errore di Superchi nel rilancio,  ma con gli avanti romani che soli in piena area non riusciranno a capitalizzarla, grazie anche all’intervento d’un eccellente Parla. A metà frazione l’arbitro valuta fuori area un fallo subito da Ruggiero apparso a tutti sul limite, optando per il calcio di punizione invece del rigore  e  per avallare la sua decisione spostando il punto di battuta di un metro verso la linea laterale.  Quando tutto fa presagire ad un primo tempo a reti inviolate la CPC2005 passa in vantaggio, azione di rimessa con Di Gennaro che apre magnificamente ad Elisei sulla sinistra, che a tu per tu con Trinchera non sbaglia insaccando alle sue spalle.  Ripresa sulla falsa riga della prima frazione, con la CPC2005 che cerca di mantenere il vantaggio acquisito e il Tor Sapienza ad imbastire azioni atte a scardinare la difesa portuale. Tra l’8′ e il 9′ due episodi che decideranno forse l’incontro, nel primo Franceschi lanciato a rete in contropiede perde l’attimo giusto anche per l’arrivare del gigante Santori, vanificando cosi  l’azione, mentre nella seconda un minuto dopo il Tor Sapienza pareggia.  Mereu appena entrato sul terreno di gioco, complice una difesa portuale che indietreggia senza contrastarlo, da fuori area pesca l’angolo destro alto della porta difesa da Superchi, insaccando la sfera alle sue spalle. Uno a uno che sembra il giusto premio per le due squadre fin quando  Superchi intorno al 20′ chiama a lui una sfera innocua al limite dell’area, attende troppo per farla sua  con Parla e Blasi ad attendere il suo intervento e Scardini che lesto si incunea precedendolo,  insaccando la sfera nella rete. Due a uno per il Tor Sapienza.
Da qui in avanti non si giocherà praticamente più, con l’arbitro che si ergerà a protagonista  invertendo spesso le valutazioni dei falli e con valutazioni che lasceranno di stucco gli spettatori presenti. L’unica vera occasione per la CPC2005 capiterà nel recupero, ma la punizione calciata da Loiseaux si spegnerà sul fondo. Il Tor Sapienza dal canto suo al 41′ avrà l’occasione per segnare il tre a uno, ma  Camilli tirerà largamente a lato il calcio di rigore, elargito forse con qualche magnanimità di troppo da parte di Di Biasio.

Nota dolente a fine gara l’anti-calcio per eccellenza, quando mentre le squadre si avviavano negli spogliatoi un gruppo di tifosi del Tor Sapienza ha iniziato a inveire, prima  a parole e poi con lancio di  oggetti, verso i giocatori portuali. Ne sono nati momenti di tensione in cui nel parapiglia per mettersi a riparo negli spogliatoi ne ha fatto le spese il giocatore Vincenzi, colpito alla testa da una bottiglietta scagliatogli contro dalla tribuna dai tifosi locali. Vincenzi per il sopraggiungere di problemi post botta, con dolore alla parte contusa, si è recato al nosocomio S. Paolo di Civitavecchia per eseguire gli esami strumentali del caso.  Al momento della stesura dell’articolo, ore 18,30, è ancora sotto osservazione.

Nota stampa in merito al dopo gara
La società CPC2005 nella persona del presidente Sergio Presutti commenta cosi: ” Come società accettiamo le scuse del Tor Sapienza e apprezziamo il tempestivo intervento per arginare quanto stava accadendo. Ciò non toglie il gesto e i modi, sia nell’essere insultati in quella maniera che con il lancio degli oggetti subito dopo, senza che ce ne fosse il motivo. Ringraziamo comunque i dirigenti della società del Tor Sapienza ma censuriamo fortemente il comportamento del pubblico.”

(Fonte e Foto: Maurizio Spreghini).

 

Commenti

commenti