Asl Roma F, anche l’associazione ‘La goccia’ interviene con una donazione per il pronto soccorso dell’Ospedale s. Paolo

25 luglio 2014

Un altro evento simbolico ma di grande portata culturale stamattina alla ASL RM F: è stata, infatti, donata da parte dell’Associazione “La goccia”, una tavola spinale utilizzata per l’estricazione, l’immobilizzazione e il trasporto dei pazienti poli traumatizzati, in quegli eventi traumatici in cui cioè potrebbe verificarsi la possibilità di lesioni alla colonna vertebrale.

Questo utilissimo presidio sanitario è stato donato alla Unità Operativa Complessa (U.O.C.) Pronto Soccorso dell’Ospedale San Paolo di Civitavecchia e potrà essere utilizzato con i  bambini dal peso superiore di 25 kg – nel caso di bambini più piccoli si usa la tavola spinale pediatrica –  e gli adulti fino a 150 kg; oltre quel peso esistono versioni ulteriori.

Inoltre può essere utilizzato anche in tutte quelle situazioni dove la persona infortunata deve rimanere immobile, così da garantire una maggiore sicurezza.

Infatti vi sono situazioni in cui l’infortunato, prima di essere trasportato su un mezzo di soccorso qualificato, debba essere ad esempio, calato da un dirupo, portato via dalla scena dell’infortunio in verticale ecc…; in altre parole, tutte quelle situazioni di soccorso alla popolazione che possono richiedere un tragitto più difficoltoso e non è idoneo utilizzare presidi più morbidi. Infine, è radiotrasparente e ciò consente di raggiungere anche la radiologia e sottoporre il soggetto colpito da un evento avverso a radiografie senza provocare movimenti che potrebbero comprometterne l’incolumità

È quindi superfluo sottolineare l’importanza di avere a disposizione un maggior numero di tavole spinali all’interno dei pronto soccorsi, poiché in tal modo è possibile intervenire in modo più efficace in quelle situazioni che possono avere un triage da codice giallo o rosso, situazioni nelle quali la persona infortunata sta rischiando molto.

Il Direttore Generale della ASL RM F dott. Giuseppe Quintavalle ha ringraziato l’Associazione “La goccia” ed ha particolarmente apprezzato la donazione del presidio ricordando l’importanza del medesimo e complimentandosi con la generosità dimostrata verso l’Ospedale di Civitavecchia, dove affluiscono ogni giorno centinaia di persone, le quali – ha ricordato il dott. Quintavalle – provengono non solo dalla città e dai paesi limitrofi, ma spesso  anche dal porto che con il suo traffico passeggeri e turismo crocieristico, fa affluire parecchie migliaia di persone verso l’ospedale durante l’anno, di cui molte in situazioni di urgenza.

Erano presenti alla manifestazione oltre al Direttore Generale, anche  il Direttore Sanitario dell’Ospedale S.Paolo, dott. Antonio Carbone, il Direttore della U.O.C. Pronto Soccorso dott. Mario Clarioni e per la Croce Rossa di Civitavecchia, l’ispettrice Provinciale sorella Paola Patrì.

Per l’Associazione “La goccia”, era presente sia la portavoce, la signora Francesca Carlevaro,che ha spiegato oltre alle finalità e le caratteristiche dell’associazione autofinanziata anche che l’idea della donazione del presidio è nata da un’esperienza particolare dopo aver assistito ad un incidente stradale ed anche per esperienze personali; sia una delegazione composta dalle signore Rosalba Astrella Apicella, Giuliana Mosconi e Adriana Turchetti.

Commenti

commenti